Archivi Blog

L’Ilva uccide anche i morti Vietato seppellire a Tamburi AL CIMITERO DEL QUARTIERE PIÙ INQUINATO DI TARANTO LA TERRA È TROPPO INQUINATA. I NECROFORI RISCHIEREBBERO TROPPO

corel
Fatto Quotidiano 7/03/2013 Francesco Casula attualità
Taranto

Ci sono posti dove morire è più facile. E posti dove poter riposare nella “n u- da terra” è più difficile. Quando però le cose succe- dono nello stesso posto, la storia si complica. Cimitero San Brunone, quartiere Tamburi, città di Taranto. Sotto le ciminiere dell’Ilva riposano i morti di tumore che qui, per il disastro am- bientale causato dall’i n q u i- namento industriale, sono molti di più che in altre città. La maggior parte riposa nel- le cappelle che la polvere dei parchi minerali dell’Ilva co- lora di un rosa macabro. Altri riposano sottoterra. C’è chi è finito lì per mancanza di denaro e chi invece l’ha scelto. Una decisione, tuttavia, che oggi a Taranto non è più consentita, non è più possibile. Almeno fino a quando il terreno non sarà bonificato o fino a quando, come ha chiesto il Comune, i necrofori non avranno a di- sposizione abbigliamento e dispositivi di sicurezza adatti per evitare ogni contatto con quella terra contaminata che può uccidere anche lo- ro. PER MEZZO secolo le emissioni inquinanti dell’indu – stria, prima di Stato e poi privata, dei Riva, hanno avve- lenato l’aria e i terreni circostanti e in questo suolo c’è di tutto. “Una cloaca dell’inquinamento”, la definisce l’assessore all’Ambiente Vincenzo Baio. Berillio, cad- mio, piombo, diossina, ben- zo(a)pirene. Lo ha certificato l’Arpa Puglia e il Comune guidato dal sindaco Stefano Ippazio ha disposto la so- spensione delle inumazioni e delle sepolture di coloro che hanno chiesto di trascorrere l’eterno riposo a six feet un- der, sottoterra appunto. In attesa che la cooperativa acquisisca i dispositivi ne- cessari ai parenti dei defunti non resta che optare per un altro cimitero oppure attendere nella cella frigorifera pagando un canone di sei euro giornalieri. “Il Comune – racconta l’as sessore all’Ambiente Vin- cenzo Baio – ha fatto più di quanto era nelle sue compe- tenze”. La disposizione del ALTERNATIVA Le celle frigorifere sono a disposizione dei cittadini colpiti da un lutto: al costo di sei euro al giorno L’Ilva uccide anche i morti Vietato seppellire a Tamburi AL CIMITERO DEL QUARTIERE PIÙ INQUINATO DI TARANTO LA TERRA È TROPPO INQUINATA. I NECROFORI RISCHIEREBBERO TROPPO I TA L I E sindaco, si aggiunge alle LEGGI due emanate per vietare ai bambini di passeggiare nei giardini del quartiere. Cresce la rabbia in città. QUESTA mattina alle 10.30 gli ambientalisti scenderanno in strada per ribadire il no all’inquinamento e sostenere la magistratura. L’obiettivo è replicare il successo del 15 dicembre con oltre quindicimila manifestanti contro la legge salva-Ilva, sulla quale il prossimo 9 aprile la Corte costituzionale dovrà pro- nunciarsi. Ma per Taranto il mese di aprile potrebbe essere quello decisivo e non so- lo per il referendum consultivo che domenica 14 chia- merà i cittadini a esprimere il proprio parere sulla chiusura totale o parziale dello stabilimento. L’attesa più grande è per gli esiti dell’inchiesta “ambiente svenduto” che dopo gli ar- resti eccellenti dei mesi scorsi potrebbe concentrarsi sui sui soldi per le bonifiche e i risarcimenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: