Archivi Blog

Agenda rossa. Il procuratore Lari: “Pazzesco, perchè la foto non è mai stata segnalata?”

-18284″ />

agenda-rossa1Fonte articolotre Redazione- 18 maggio 2013 attualità
– “Se fosse vero, sarebbe pazzesco”: cosi’ il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari ha commentato la foto, pubblicata dal quotidiano La Repubblica, tratta da un video girato dai vigili del fuoco dopo la strage di Via D’Amelio, che immortala l’agenda rossa del giudice Paolo Borsellino accanto al corpo carbonizzato del magistrato.

Il diario, in cui Borsellino appuntava spunti investigativi e riflessioni, ritenuto un elemento chiave anche per ricostruire il movente reale del delitto, è scomparso dal giorno dell’eccidio.

“Si tratterebbe di immagini tratte da un video girato dopo l’esplosione dai vigili del fuoco: al 99 per cento è stato visionato dalla Scientifica che ha raccolto tutte i filmati girati dopo la strage – spiega – Noi accerteremo di averlo comunque agli atti, ma c’é da chiedersi per quale motivo non si stato segnalato come rilevante”.

“O gli investigatori che con probabilita” altissime l’hanno visionato – aggiunge – hanno escluso che potesse essere l’agenda di Borsellino, ritenendo che non si sarebbe mantenuta integra vista la temperatura provocata dall’esplosione, oppure è sfuggito all’osservazione”. “Certamente – aggiunge – c’é da capire cosa sia accaduto”.
Le indagini hanno sempre cercato l’agenda nella borsa del giudice, spostata dalla macchina e ritrovata vuota. Questa scoperta farebbe pensare che il magistrato avesse invece con sé il diario. “Borsellino aveva qualcosa sotto l’ascella – conclude Lari – ma – si chiede – dal corpo sono saltati via gli arti: questo è compatibile col ritrovamento dell’agenda integra come si vede dalla foto?

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: