Archivi Blog

Economista Borghi: “Italia fuori dall’euro? Fattibile”

corel
video d Claudio Borghi
di: WSI Wall Street Italia 21/03/2013 attualità
E’ gestibile secondo Claudio Borghi, che spiega le tappe e le conseguenze di un eventuale progetto drastico di questo tipo. “Timore di corsa agli sportelli”, certo, ma e’ un piano “gestibile e auspicabile“. Impatto gia’ scontato nello Spread: VIDEO
ROMA (WSI) – Italia fuori dall’euro? Uno scenario di questo tipo e’ a tutti gli effetti “gestibile” e senza dubbio “auspicabile” per la nostra economia. Spiega come il professore di economia Claudio Borghi, che ha elencato tappa per tappa queli sono le precauzioni da prendere per i risparmiatori e quali saranno le conseguenze di una eventuale uscita dall’area euro per l’economia zoppicante italiana.

“Chi ragiona sulla distruttivia’ di questo processo spesso e volentieri lo fa come se fosse una cosa imprevista e immediata”. In realta’, ha aggiunto il professore dell’Università Cattolica di Milano, “gran parte di questo processo e’ gia’ avvenuto”.

“E’ gia’ successo in passato che ci sono stati cambi di valuta, ma spaventa passare da una valuta debole a una forte”. Perche’, come si suol dire, “la moneta buona scaccia quella cattiva”.

“Per mettersi in salvo l’operazione e’ molto semplice. Io ho dei risparmi in una banca italiana. Se i titoli di stato diventano a rischio, perche’ tutto il debito e i contratti effettuati ritornano in lire, io posso invece comprare “un titolo di stato tedesco, nessuno me lo tocca”.

In questo modo gli effetti negativi saranno azzerati. Chi mastica la materia finanzaria “sa che questo fenomeno e’ gia’ avvenuto e si chiama Spread”.

“Se domani mi dicessero, ‘guarda non dirlo a nessuno ma tra una settimana usciamo dall’euro e torniamo alla lira’, posso prelevare i miei risparmi, ma non credo che venderei un titolo italiano a 70 per comprare un titolo tedesco a 130, pensando di fare non so quali guadagni”.

A lungo termine sarebbe un titolo italiano in lire che si svalutera’, ma che e’ gia’ svalutato. “In questo momento lo spread ha gia’ fatto arrivare la svalutazione sui titoli del debito. Quotano prezzi molto bassi rispetto ai titoli sicuri tedesci: cio’ significa che le cose sono gia’ state fatte”.

Starei invece attento alle scadenze a breve termine, quello si, prenderebbe la conversione. Se avessi un Bot che scade a 4 mesi e sapesi che tra due settimane torniamo alla Lira, quel titolo non vorrei averlo e mi comprerei un titolo di stato americano o qualsiasi cosa anche fuori dall’euro”.

” di Il Fatto QuotidianoL’italia puo’ uscire dall’euro? “Fattibile

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: