IN GINOCCHIO Il Paese che mangia low cost

ppp
Fatto Quotidiano del 22/04/2014 di Alessio Schiesari attualità
Dodici barattoli di polpa di pomodoro a 4,05 euro; una bottiglia di Lambrusco a 1,29 euro e 300 grammi di polpette a 2 euro e 19 centesimi. Poi due pagine di volantino dedicato alle offerte sulle creme abbronzanti, prodotti per il giar- dinaggio di ogni tipo, scarpe, mutande, pentole e perfino un decespugliatore turbo tempo- rizzato. Non c’è niente che non si possa acquistare in un discount e, stando alle pubblicità, i prezzi sono “incredibili”, “stracciati”, “fantastici”. L’ita – liana Eurospin e i tedeschi di Lidl sono le uniche due catene di supermercati che, anche in tempi di crisi, hanno continuato a crescere. Secondo la Confederazione italiani agricoltori, dal crollo di Lehman Brothers ad oggi la spesa alimentare degli italiani si è ridotta costantemente: meno 15 miliardi in sei anni, passando dai129 miliardi del 2007 ai 114 del 2013. Nello stesso periodo la superficie di vendita degli hard discount è cresciuta del 50 per cento. Nel primo trimestre del 2014 gli acquisti low cost sono cresciuti del 60%. A farne le spese sono tutti gli altri, dai piccoli negozianti ai supermercati tradizionali. Per resistere all’assalto delle catene a basso costo i grandi della distribuzione stanno provando a imitarle, potenziando sconti, promozioni e offerte. La diffe- renza media di prezzo tra i supermercati tradizionali e i discount rimane però del 28 per cento, per questo sempre più fa- miglie (6,5 milioni l’anno scorso) scelgono il low cost . NON SI TRATTA di un fenomeno solo italiano. Nel Regno Unito Lidl conta di triplicare il numero di punti vendita, portandoli da 600 a 1.500. L’altra gran- de catena di discount tedesca, Aldi (che in Italianon è presente), conta di aprirne 50 nei pros- simi otto mesi. La crescita dei di- scount tra il ceto medio è stata così prepotente da entrare perfino nel dibattito politico. L’amministratore delegato di Lidl ha definito Maidstone mums (una sorta di casalinga di Voghera versione britannica) le donne della classe media che non si vergognano più di fare la spesa al discount. L’espressione è finita per coincidere con un nuova categoria sociale, quella da carezzare di più in vista delle prossime elezioni. Se il discount è un buon affare per chi ci fa la spesa, lo è ancora di più per chi lo possiede. Nella classifica degli uomini più ricchi al mondo di Bloomberg il proprietario di Lidl, DieterSchwarz, è33°. Quellodi Aldi, Karl Albrecht, 29°.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il aprile 22, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. le casalinghe si tappano il naso e riempiono il carrello di cose sulla cui provenienza hanno seri dubbi. la sola certezza che hanno è quanto possono spendere, anche se questo non corrisponde a mangiare sano. I gas e i cibi biologici richiedono non solo cultura ma anche portafogli adatti a farci vivere meglio, a lungo

  1. Pingback: IN GINOCCHIO Il Paese che mangia low cost (Piemontenews) | La freccia di Fania

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: