Che fai, li cacci? (Marco Travaglio).

zxcvb
Da Il Fatto Quotidiano del 03/04/2014. Marco Travaglio attualità

Non tutta la riforma costituzionale targata Renzi è da buttare. Oltre ai pericoli autoritari e funzionali insiti nel combinato disposto fra Italicum e Senato di serie B, c’è anche qualcosa di buono: la riforma del Titolo V della Costituzione per eliminare le follie della Bassanini del 2001 che – per compiacere la Lega – regalava troppe competenze alle Regioni e creava un’infinità di conflitti con lo Stato; e soprattutto l’abolizione dei rimborsi ai gruppi consiliari (rubati a man bassa da quasi tutti i partiti, come dimostrano le “Rimborsopoli” che vedono 18 consigli regionali su 20 indagati, perlopiù in blocco, per le varie Rimborsopoli) e la riduzione delle indennità sotto quella del sindaco del capoluogo. Il sospetto, però, è che si tratti del solito pacco dono rutilante e infiocchettato per occultare la sorpresa nascosta all’interno.

Un po’ come la riduzione del numero dei parlamentari, usata da Lega e centrodestra nel 2006 per coprire i guasti della Devolution (poi fortunatamente bocciata nel referendum confermativo). In ogni caso Renzi ha ragione quando dice che abolire i rimborsi ai gruppi regionali significa “mai più Rimborsopoli”: col suo fiuto da cane da trifola, ha colto l’impatto devastante dello spettacolo di quelle orde di cavallette intente ad arraffare a spese dei contribuenti mutande verdi, libri porno, tinture per capelli (per un consigliere pelato), chewingum, pecore, Redbull, Suv, salsicce, mazze da golf, caldaie, caramelle, frigoriferi, gelati, tergicristalli, campanacci per bovini, corni d’avorio, feste di nozze, gorgonzola, saune, night club, cenoni di Capodanno, aeroplani di carta, camere d’albergo per amanti, spazzolini da denti personalizzati con le iniziali, cravatte, salatini, finimenti per carrozze. Ma questo rende incomprensibile la sua indifferenza ai sottosegretari inquisiti del suo governo. Lasciamo pure da parte i casi del ministro Lupi e del sottosegretario Bubbico, l’uno indagato l’altro imputato per nomine fuorilegge (abuso d’ufficio): fermo restando che nelle altre democrazie ci si dimette per molto meno, si tratta di atti amministrativi sulla cui legittimità decideranno i giudici. Ma gli altri tre sottosegretari inquisiti, Vito De Filippo, Francesca Barracciu e Umberto Del Basso De Caro, sono accusati di peculato per le Rimborsopoli di Basilicata, Sardegna e Campania. De Filippo per 3 mila euro (che dice di aver speso in francobolli), Barracciu per 33-45 mila (a suo dire per la benzina di viaggi istituzionali da giro del mondo), De Caro per 11 mila (“attività politiche” mai documentate). Qui i processi servono a stabilire se la vecchia legge sui rimborsi regionali, ora modificata, coprisse anche le spese non giustificate, o se invece sia stata violata e giustifichi le accuse di peculato e in certi casi di truffa alle Regioni. Ma i fatti sono certi, tant’è che gli indagati non contestano di aver speso quelle somme: dicono solo che la legge lo consentiva. Ce n’è abbastanza per affermare che hanno dilapidato denaro pubblico. Il che, reato o meno, li rende indegni di stare al governo con “disciplina e onore”. Renzi può farsi raccontare dal suo neoamico Cameron che ne è stato dei deputati inglesi sorpresi a fare la cresta sulle note spese: tutti fuori dal Parlamento, qualcuno in galera. Del resto fu lui stesso a stabilire che la Barracciu non poteva candidarsi a governatore di Sardegna pur avendo appena vinto le primarie. Salvo poi promuoverla sottosegretario ai Beni culturali. E che dire di De Caro, sottosegretario alle Infrastrutture, che sarà presto imputato dopo l’avviso di chiusura indagini? Un premier serio lo caccerebbe solo per quel che ha detto: “Non rendicontavo le spese perché la legge non lo prevedeva”. Ma nemmeno una bocciofila rimborsa le spese ai dipendenti senza scontrini. Poi il sottosegretario lancia un avvertimento: “Sono il parlamentare più votato alle primarie del Pd”. L’altro è Francantonio Genovese, quello col mandato di cattura. A questo punto Renzi dovrebbe decidere una buona volta che cos’è e che cosa dev’essere il Pd.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il aprile 3, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: