Terra dei Fuochi, il governo dà i numeri

ppp
LORENZIN ANNUNCIA: “SOLO IL 2% DI TERRENI A RISCHIO”. MA CANTONE: “SARÀ LA NUOVA CHERNOBYL
Fatto Quotidiano di Chiara Paolin del 12/03/2014 attualità
Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha l’aria soddisfatta: “Su quello che non è stato fatto in passato potremmo scrivere libri. Oggi noi ci siamo presi un impegno, con un lavoro immenso, ripercussioni e derivate grandissime. Ci saranno controlli a valle, a monte e durante il percorso, e questa è una cosa nuova per tutti e innovativa”. Oggetto della rivoluzione culturale, la Terra dei Fuochi, l’area tra Napoli e Caserta dove i rifiuti tossici hanno conta- minato aria, acqua e terra. Nunzia De Girolamo, prima delle dimissioni, aveva avviato un’iniziativa speciale come ministro dell’Agricoltura: un censimento deiterritori inquinati.Ieri il governo Renzi ha ripreso il filo annunciando i primi risultati: “Allo stato dei risultati attuali e delle informazioni complessivamente disponibili, non esistono elementi per definire a rischio il 98% dei terreni sottoposti a mappatura nei 57 Comuni identificati nella direttiva”. Così recita il report dei tecnici, e la reazione è immediata: solo un 2% di ter- reni a rischio, certo. Ma in base a quali esami e verifiche, fatte in poche setti- mane? RAFFAELE CANTONE, il magistrato indicato da Renzi come nuovo responsanbile dell’Authority anticorruzione, ieri stava al Liceo classico Plinio Seniore di Castellammare di Stabia, vicino Napoli, per parlare di ecomafie. E non ha perso l’occasione per dare il suo giudizio, severo: “Ancora non conosciamo i livelli di inquinamento e le conseguenze che questo disastro ambientale ha provocato. Forse nel 2060 quei luoghi saranno una nuova Chernobyl, non vi crescerà più un filo d’erba. Certo non tutta l’area è stata colpita, e i danni all’agricoltura sono ingenti quanto ingiustificati, se non si fanno le dovute distinzioni. In- fine c’è il problema delle ecoballe, stoccate, si disse, “temporaneamente” diecianni fa e che ancora non si sa che fine devono fare. Queste bombe ecologiche colano percolato nel terreno e le popolazioni protestano se si parla di inceneritore, ma stranamente non hanno pro- testato quando sono state depositate in terreni che alla camorra sono costati 50mila euro,il giorno prima dello stoccaggio, ma poi sono stati dati in fitto per 500mila euro”. Insomma molto lavoro da fare, e l’entusiasmo per quel 2% che non basta a nessuno. Tranne al ministro Lorenzin: “Per quanto riguarda lo screening di massa della popolazione, con la Regione Campania stiamo mettendo in campo misure ad hoc. Fare screening vuol dire individuare target, cluster da esaminare. Appena saremo pronti anche con il coinvolgimento di medici di famiglia, pediatri e ospedali del territorio, presenteremo il tutto”

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il marzo 13, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: