Memento Mori (Marco Travaglio).

zxcvb
Da Il Fatto Quotidiano del 08/03/2014. Marco Travaglio attualità

Meno male che ci sono gli ex generali Subranni e Mori e l’ex capitano De Donno, altrimenti rischieremmo di dimenticare che: 1) a Palermo è in corso un processo che non s’ha da fare, quello sulla Trattativa; 2) sia gli imputati mafiosi sia quelli istituzionali non vedono l’ora di liberarsi del pm Di Matteo e dei suoi colleghi (sia pure con metodi diversi); 3) l’ordinamento italiano è ancora infestato da leggi-vergogna come la Cirami (imposta da B. nel 2002 per allargare i casi di “rimessione” dei processi in altra sede per “legittimo sospetto” e mai cancellata dai suoi presunti avversari). In questo senso l’istanza dei tre ex ufficiali del Ros alla Cassazione per trasferire il processo lontano da Palermo, come avvenne per il delitto Matteotti e per la strage di piazza Fontana, è un ottimo promemoria. Il documento più illuminante è quello del prefetto Mario Mori, che illustra in 45 pagine i motivi per cui il processo non può celebrarsi nella sede naturale di Palermo e va dunque strappato alla Corte d’assise che lo conduce da mesi. Il piatto forte sono i messaggi di morte pronunciati da Totò Riina contro Di Matteo e gli altri pm nei colloqui col compagno di ora d’aria, il mafioso pugliese Alberto Lorusso, intercettati l’estate scorsa. Con ampio corredo di articoli di stampa e dichiarazioni dei pm condannati a morte, dei procuratori di Palermo e Caltanissetta, del ministro dell’Interno Alfano e di svariati politici, Mori ritiene che l’ordine di eliminare Di Matteo & C. con una strage modello 1992 sia serissimo e dunque pericolosissimo, così come è attendibile l’analisi che vuole Riina tuttoggi al vertice di Cosa Nostra. Tanto basta per dimostrare “i pericoli per la sicurezza e l’incolumità pubblica”: “in qualunque momento potrebbe verificarsi un attentato” non solo contro i pm, ma anche contro i giudici, i giurati, le forze dell’ordine e tutto il pubblico (“circa un centinaio di persone”) che assiste a ogni udienza nellaula bunker. Di qui la richiesta di “sospendere il processo fino alla decisione della Cassazione”, che dovrà traslocarlo in un’altra città, con altri pm, giudici e giurati, a causa della “eccezionalità della situazione di ordine pubblico esistente a Palermo”.

E qui casca l’asino per la prima volta: se è vero – come dice Riina e come conferma Mori – che il Capo dei Capi non vuole saperne di questo processo, al punto da maturare un odio inestinguibile per il pm che (insieme a Ingroia) ha condotto le indagini fin dall’inizio, ne deriva che il pericolo di attentato esiste non solo a Palermo, ma in qualunque altra città ospitasse il dibattimento. Di Matteo è a rischio in quanto rappresenta l’accusa in quel processo: se a rappresentarla fosse un suo collega di Napoli o Milano o Vipiteno, questi finirebbe subito nel mirino al posto suo. Del resto, quando Lorusso domanda “Cosa farai se lo spostano?”, Riina risponde: “Tanto (Di Matteo, ndr) al processo deve venire”. Dunque l’attentato si può fare dappertutto. Ergo la rimessione del processo non farebbe venir meno i pericoli di ordine pubblico accampati da Mori & C.: semplicemente li trasferirebbe altrove, su altri pm, giudici e giurati. La norma del Codice sulla rimessione parla di “gravi situazioni locali non altrimenti eliminabili”: queste sono nazionali e ineliminabili. Con la differenza che i giudici di Palermo convivono da sempre col pericolo di morire ammazzati, diversamente da quelli di altre città, che risulterebbero molto più intimiditi. Ma c’è un altro motivo per cui i giudici e i giurati di Palermo non sarebbero imparziali. Mori elogia le manifestazioni di solidarietà ai pm condannati a morte (come quella promossa dal Fatto il 12 gennaio) e le eccezionali misure di sicurezza disposte a loro tutela. Poi però scrive che anche le manifestazioni e le misure di sicurezza “turbano la serenità dei giudici”, portandoli a parteggiare per l’accusa e a perdere l’imparzialità. Anche perché, all’incontro del Fatto , il pg Roberto Scarpinato avrebbe “legittimato l’inchiesta e condizionato il processo”.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il marzo 8, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: