Ma mi faccia il piacere (Marco Travaglio).

zxcvb
Da Il Fatto Quotidiano del 03/03/2014. Marco Travaglio attualità

“È in corso a Palazzo Chigi il vertice tra il premier Matteo Renzi e i ministri di Difesa ed Esteri, Roberta Pinotti e Federica Mogherini sulla crisi ucraina. Dalla riunione emergerà la posizione italiana in vista del Consiglio Esteri straordinario di domani a Bruxelles, al quale parteciperà la titolare della Farnesina. Mogherini è in contatto continuo con gli ambasciatori italiani a Kiev, Mosca e Washington e con i rappresentanti permanenti presso la Nato, l’Ue e le Nazioni Unite” (sito del Sole-24 ore, 2-3). Alla notizia, vistosi spacciato, Putin ha immediatamente ordinato il ritiro delle truppe russe dalla Crimea, implorando clemenza da Renzi, Mogherini e Pinotti.

Macchine. “Contro di me accuse infamanti, la macchina del fango partita dalla mia regione ha contaminato anche i grandi giornali” (Antonio Gentile detto Tonino, Ncd, neosottosegretario alle Infrastrutture, 2-3). Qui l’unica macchina che non è partita è la rotativa de L’Ora di Calabria. Il primo tifoso. “Non è solo per amicizia personale verso Enrico Letta che mai accetterei di fare il segretario del Pd per avere in mano la vita o la morte del suo governo… Fare il tifo per l’Italia impone oggi di fare il tifo per Letta. Noi non stiamo cercando di prendere il potere a tutti i costi per cui va bene tutto purchè ci diano l’agognata seggiola. Noi stiamo cercando di cambiare l’Italia. E se adesso il governo è nelle mani di Letta, facciamo il tifo per lui e diamogli una mano. Preferisco collaborare che sabotare” (Matteo Renzi, “Oltre la rottamazione”, Mondadori, maggio 2013). Oltre, molto oltre, pure troppo.

Esclusi i presenti. “Basta con le élite arteriosclerotizzate, ma non vanno rottamati tutti i vecchi” (Giuliano Amato, Corriere della sera, 24-2). Per esempio, lui no.

Figlio di perestrojka. “Gorbaciov, un comunista, diventò l’eroe del mondo libero. Se mi passate la semplificazione, Renzi è il nostro Gorbaciov. Va sostenuto e incoraggiato nella sua perestrojka perchè la possibilità di liberarsi di quella vecchia sinistra, fatta di odio e rancore, è più urgente di qualsiasi altra considerazione” (Alessandro Sallusti, il Giornale, 26-2). Sono soddisfazioni.

Sataneggio. “La stragrande maggioranza dei grillini non ha la più pallida idea dell’ideologia assassina che soggiace al movimento 5Stelle… Di fatto è la setta dei càtari, la lobby della morte del medio evo, arrivata in Parlamento con 8 secoli di ritardo. Dei càtari Casaleggio è un fan sfegatato. Il fondo antiumano, quindi anticristiano, quindi – concedimi – satanico, di questa ideologia mi pare evidente. Quindi sì, il Movimento 5Stelle è il partito della morte… In Rete circola quel discorso di Hitler che sembra pronunciato da Grillo, poi le frasi di Gramsci e di Matteotti che parlano degli inizi del fascismo che si attagliano perfettamente al grillismo rampante. A me interessa il fatto che il nocciolo attivo del grillismo è fatto di ecofascisti… Guarda il caso di quella ragazza malata a cui gli animalisti hanno augurato la morte: secondo me tanti di quei mostri hanno votato 5Stelle.Sono ecofascisti,econazisti, chiamali come vuoi, sono gli Eichmann del chilometro zero, i Mengele della decrescita, gli Himmler dell’antispecismo. Prego che una Norimberga ce li porti via… Veganesimo e anticattolicesimo vanno di pari passo… Un partito che ha per programma l’odio nei confronti dell’uomo è per forza di cose il partito di Satana. Non so cosa si aspetti ancora a capirlo e ad agire di conseguenza” (Roberto Del Bosco, Il Foglio, 1-3). Però Giuliano Ferrara è molto intelligente.

Città eterna. “Blocco la città” (Ignazio Marino, sindaco di Roma, al premier Renzi dopo il ritiro del decreto salva-Roma, 26-2). Poi ha rinunciato: nessuno avrebbe notato la differenza.

Che due marò. “Occorre un libro bianco per spiegare il caso dei marò” (Sergio Romano, Corriere della sera, 28-2). Ma possono bastare anche un mirino e un paio di occhiali.

Autoritratto. “Parla l’idiota. Ne ha facoltà” (titolo della rubrica di Filippo Facci, Libero, 26-2). Appunto.

Claudio Sordo. “La fisarmonica dei poteri presidenziali, che si allarga quando le Camere sono in stallo, si restringe inesorabilmente di fronte a una maggioranza che esprime una ferma volontà… Una maggioranza diede la fiducia ai governi Monti e Letta: e l’intera responsabilità politica è in capo ai partiti che diedero il loro consenso. Altro che complotti, come ripetono Berlusconi e Travaglio” (Claudio Sardo, l’Unità, 28-2). Chissà questo Sardo dove ha mai letto o ascoltato la parola “complotto” a firma Travaglio. Se però ci dà il nome del pusher che gli fa vedere le fisarmoniche, fa cosa gradita.

Oppo e le storie tese. “Grillo, si sa, ai soldi non ci tiene, né ci tese mai” (Maria Novella Oppo, l’Unità, 28-2). Vedi sopra.

Guidi lei. “Berlusconi mi ha telefonato e non vi dico per chi ho votato” (Federica Guidi, ministro dello Sviluppo economico, la Repubblica, 26-2). Oh no, e ora chi ci libererà mai di questo tormentoso dubbio? L’urlo di Munch. “Renzi: piano choc per il lavoro” (La Stampa, 1-3). “Renzi: ‘Uno choc all’economia’” (La Stampa, 1-3). Tale è stato lo choc che Renzi ha subito lasciato perdere

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il marzo 3, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: