MINI – CONDONO Equitalia scoppia il caos cartelle

ppppp
CADE LA PROROGA, LUNGHE FILE PER LA SCADENZA DELLA SANATORIA
Fatto Quoyidiano del 28/03/2014 di Loredana Di Cesare attualità
Il governo ritira il decreto Salva Roma e in poche ore centinaia di cittadini si river- sano agli sportelli di Equitalia. Speravano di poter pagare i loro debiti fino al 31 marzo e, invece, scoprono di avere solo 48 ore per saldare il conto. E per di più in un’unica soluzione. Il punto è che il decreto Salva Roma – che contiene norme per la Capitale, l’Expo, gli alluvionati in Sardegna, i terremotati in Abruzzo – avrebbe consentito anche una proroga – fissata al 31 marzo – per la cosiddetta rottamazione delle cartelle Equitalia: il Parlamento aveva inserito quest’opportunità nel disegno di legge di conversione del provvedimento. Due giorni fa però è arrivato il dietro front, segnato dall’ostruzionismo di Lega e M5S. Non resta che una possibilità: pagare entro oggi e usufruire di uno sconto, sugli interessi di mora, per le cartelle esattoriali fino al 31 ottobre 2013. E così la co- da agli sportelli è stata immediata: “Poteva es- sere un giorno qualunque – ci racconta un funzionario di Equitalia – ma il ritiro del decreto ha generato il panico e oggi ci tro- viamo con lunghe file da gestire, e un pro- fluvio di domande a cui rispondere”. “I cittadini, al vago annuncio di un ‘condono’, immaginavano che questo sgravio avrebbe consentito risparmi e benefici su un già magro bilancio familiare” sostiene Gabriella Arcuri, avvocato civilista e tributarista di Roma. Risparmi piuttosto contenuti, però, a giudicare dai commenti dei cittadini in co- da. Un anziano signore perde la pazienza e urla all’operatore: “Non ce la faccio più, mi state rovinando!”. Un commercialista, intervistato dal Fatto quotidian o. i t all’ingresso della sede di Equitalia, racconta: “C’è chi, tra i miei clienti, per pagare tutte le cartelle oggi, si è addirittura indebitato con le banche”. E il risparmio? “Se avessi saputo di risparmiare così poco –dice un signore –non mi sarei scomodato. Pensavo che mi alleggerissero un po’e invece, su una multa di 100 euro, mi hanno tolto solo pochi euro. Quello che viene chiamato condono, infatti, è in realtà uno sconto degli interessi su multe e dichiarazioni dei redditi errate. In altre parole: la possibilità di saldare i propri debiti senza gli interessi di mora. E così, la sorte di milioni di cittadini, alle prese con Equitalia, s’è intrecciata a quella della Capitale che, con la mancata conversione del decreto, continua ad avere il suo bilancio in bilico. E se il governo, in queste ore, sta studiando una soluzione per scongiurare il default di Roma, per le cartelle esattoriali, invece, la scadenza resta comunque fissata per oggi.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il marzo 1, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: