CONTRORDINE Niente tregua fiscale per i creditori della PA

ppppp
Fatto Quotidiano del 8/02/2014 di Marco Palombi attualità
Destinazione Caos”. Il decreto con cui il governo voleva rilanciare l’appetibilità dell’Italia presso gli investitori nazionali e internazionali dovrebbe essere ribattezzato co- sì: stralciato mercoledì l’articolo 8 sulle assicurazioni (un favore alle lobby più volte denunciato su queste pagine); accantonato l’articolo 4 che era uno scandaloso condono sulle bonifiche ambientali nei Siti di inte- resse nazionale (ve ne abbiamo parlato sul Fatto Quotidiano di mercoledì); mancante di coperture finanziarie – almeno a stare al parere della Ragioneria generale dello Stato – quasi tutto il resto. Questo lo scenario per cui il dl “Destinazione Italia” ieri s’è are- nato per l’intero pomeriggio tra aula e commissione Bilancio, nell’attesa di trovare almeno una soluzione tecnica ai problemi. Alla fine, pare l’abbiano trovata e il decreto dovrebbe essere licenziato dalla Camera martedì at- torno all’ora di pranzo per poi passare al Senato (scade il 22 febbraio). SUL TERRENO, però, fra le altre cose, è rimasta anche la norma proposta dal Movimento 5 Stelle sulla compensa- zione fiscale dei debiti della Pubblica amministrazione. Il vero nodo è stato però oggi quello delle cartelle esattoriali. L’emendamento era stato approvato mercoledì in Commissione all’ultimo secondo utile prima del via libera per l’Aula. Per la precisione, la norma stabiliva che per il 2014 venissero sospese le cartelle di Equitalia per le imprese titolari di crediti con la Pubblica amministrazione (come si sa i debiti commerciali ammontano, al momento, ad almeno 70 miliardi di euro). Nonostante l’endorsement del Sole 24 Ore sul tema, con relativo editoriale in prima pagina di plauso ai grillini, la norma ha fatto saltare sulla sedia i tecnici della Raioneria: sterilizzare le cartelle esat- torali, hanno scritto al Parlamento, comporterebbe “minori entrate per il 2014 non quantificate e prive di copertura finanziaria” tali da non far avere alla disposizione “ulteriore corso”. Uno di quegli avvertimenti a cui non si può reagire facendo finta di niente. E infatti la commissione Bi- lancio alla fine ha optato per una riformulazione della norma che in realtà è un sostanziale contrordine. Non più “sospensione” delle cartelle, ma “compensazione” (pratica già possibile) tra cartelle e crediti con la Pubblica amministrazione ma rigorosamente “nel rispetto degli equi- libri di finanza pubblica”. Cioè nessuna novità rispetto all’esistente, con buona pace di Confindustria e Movimento 5 Stelle: per essere sicuri, peraltro, i deputati si so- no presi del tempo per riscrivere la norma contestata in mo- do che non abbia davvero alcun effetto sui conti pubblici. QUANTO AL CONTESTATO articolo 4 di “Destinazione Italia”- quello che regala un maxisconto e pure qualche incentivo ai grandi gruppi tipo Eni che finora non hanno bonificato i siti inquinati dai loro impianti produttivi – l’aula ha deciso di accantonarlo fino a lunedì. La norma, proposta dal mi- nistero dello Sviluppo, non piace in- fatti a quello dell’Ambiente, che ha fatto sapere di volerla stralciare: dal dicastero guidato da Andrea Orlando, infatti, fanno notare che quell’articolo significa una sicura procedura di infrazione europea, visto che – come nota anche il Servizio Studi della Camera – viola il principio di diritto comunitario noto come “chi inquina paga”. La battaglia, però, non è ancora vinta.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il febbraio 9, 2014, in attualità, Uncategorized con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: