INTERESSI IN CONFLITTO Incrocio giornali-tv: l’eterno rinvio per B

ppppp
Fatto Quotidiano del 27/12/2013 di Sara Nicoli attualità
Enrico Letta ha promesso che oggi nel decreto “milleproroghe”, rinnoverà per l’ennesima volta il divieto di incrocio tra stampa e tv, stabilito dalla legge Mammì. Ma quello che sta alla base di questa norma, che ci si ostina a prorogare, è un problema che non si vuole risolvere: il conflitto d’interessi. Con un protagonista assoluto e ineguagliato: il Cavaliere. OGGI la situazione appare un po’diversa da quando questa norma fu scritta, dentro la legge Mammì (era il 6 agosto del 1990); c’era la Rai e c’era la Fininvest. E la bramosia di Silvio Berlusconi di conqui- stare tutto l’etere distruggendo il servizio pubblico televisivo per prenderne il posto. Utilizzando, alla bisogna, anche le testate della carta stampata, comprando- le, per portare l’offensiva alla Rai sia dal punto di vista mediatico che imprenditoriale, ossia sottraendogli la pubblicità. La norma della Mammì sul divieto d’incrocio tra proprietà televisive e carta stampata (chi possiede due reti nazionali non può avere partecipazione in imprese editrici) fu introdotta proprio per tentare di arginare un minimo la “fame” di Ber- lusconi. Che c’è ancora oggi ed è uguale a ieri, anche se oggi quel disegno ha più di un concorrente diretto (Sky di Rupert Murdoch, ma anche il colosso Repubblica , per non parlare degli appetiti di Tarak Ben Ammar, amico di Berlusconi), con quella proroga resta l’unico modo per non mettere a repentaglio la libertà d’in – formazione in Italia, vista anche l’assenza di seri limiti Antitrust. Nel 2004 Maurizio Gasparri tentò di scalfire il divieto facendolo diventare, guarda un po’, a tempo. Da allora, di proroga in proroga (l’ultima porta la firma di Mario Monti), il divieto ha resistito. Letta, si diceva, congelerà infatti tutto di nuovo, anche se ora che il Cavaliere non è più nel perimetro della maggioranza sarebbe forse il momento giusto per mettere ma- no al vero problema, il conflitto d’inte – ressi appunto. Peccato che poi, quando si guardano i numeri parlamentari, ci si accorge che, Cavaliere o non Cavaliere, una legge sul conflitto d’interessi spacchereb- be il Pd in mille pezzi e chissà se Angelino Alfano (Ncd) sarebbe disposto a colpire Berlusconi così direttamente. Avanti con la proroga, dunque, consa- pevoli che altro difficilmente entrerà davvero nel “patto di governo”promesso da Letta. Molte forze imprenditoriali spingono verso un forte ridimensiona- mento della Rai per liberare risorse pubblicitarie e tecniche (frequenze) e in questo senso va anche il mancato aumento, da parte del ministro Flavio Zanonato, del canone della tv pubblica almeno nella parte dell’adeguamento Istat (obbligato- rio per legge). Insomma, qualcosa si muove nel mondo dei media e la famosa norma potrebbe diventare presto più dannosa che inutile. Meglio quindi una proroga, l’ennesima.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il dicembre 28, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: