Papa Francesco “social” tweetta il vero senso del Natale

finta-abolizione-delle-province
articolotre del 23/12/2013 redazione attualità – V.G. – Ogni tanto, forse, bisognerebbe anche ricordare che il Natale è una festa religiosa, non soltanto un’occasione per scambiarsi i regali davanti all’albero e rimpinzarsi di cibo stando seduti a una grossa tavola imbandita per l’occasione. Occorre fermarsi e ragionare sul significato del Santo giorno e onorarlo a dovere.
La pensa così Papa Francesco, ma non era difficile intuire che, probabilmente, in queste occasioni siamo soliti farci prendere un pochino la mano, perdendo alla fine ogni cognizione e trasformando un’importante ricorrenza cristiana in una becera cagnara all’insegna del consumismo. Eppure, non dovrebbe essere tutto il contrario? Onorare la venuta di Gesù Cristo sulla Terra, che si trascina dietro il suo sacrificio per l’umanità, non dovrebbe renderci tutti più buoni, altruisti, compassionevoli e meno materialisti? Non dovremmo sperperare meno e donare qualcosa in più a chi si ritrova a vivere nell’indigenza più totale?
Domande retoriche: certo che dovremmo. Ma sembriamo dimenticarlo, investiti come siamo, dalla testa ai piedi, da quell’aura di entusiasmo che lo shopping natalizio si trascina dietro. Ormai la società ha tradotto la nascita del nostro salvatore in tutto questo: uno sperpero di denaro e una scusa per sperare di risollevare un’economia in coma.
Ebbene, quest’anno il pontefice invita tutti a fare un passo indietro. “Il Natale spesso è una festa rumorosa: ci farà bene stare un po’ in silenzio, per sentire la voce dell’Amore”, scrive in un tweet. Palese dimostrazione che questo suo stare al passo con i tempi e cimentarsi nelle nuove tecnologie non equivale a condividere tutte le abitudini di una società inghiottita dal progresso, che ha già elaborato il mito di un Papa “trendy e superfigo”, bensì alla possibilità di esercitare il suo ruolo di redentore e moralizzatore al 100%, servendosi di ogni potente strumento a disposizione.
Poi, dopo essersi assicurato che il messaggio arrivasse anche ai naviganti che fanno un po’ a pugni con l’idea di andare in Chiesa a pregare, ha poi pensato a ravvedere anche gli assidui frequentatori. Nella messa a Santa Marta perciò, Bergoglio ha ribadito l’invito a vivere il Natale come un’occasione per “fare posto a Gesù che viene”, e non “per fare festa, spese e rumore”. Ha poi voluto sottolineare che il Signore visita ogni giorno la sua Chiesa, mettendo in guardia da un atteggiamento di chiusura della nostra anima.
E chissà che, un piccolo gradino alla volta, non riesca a riportare il suo gregge sulla retta via.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il dicembre 24, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Commenti disabilitati su Papa Francesco “social” tweetta il vero senso del Natale.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: