Rissa Telecom, Patuano contro l’azionista Fossati

p
L’ACCUSA DEL MANAGER: “SINISCALCO QUELLA SERA TI HA CHIAMATO”. MA L’EREDE DEL BRODO STAR NON CI STA: “MI AVETE TAGLIATO FUORI”
Fatto Quotidiano del 22/11/2013 Giorgio Meletti attualità
Lo scontro è arrivato in Senato. Ieri pomeriggio l’amministratore delegato di Tele- com Italia, Marco Patuano, incalzato dal presidente della Commissione Industria, il senatore giornalista Massimo Mucchetti, Pd, ha dato del bugiardo all’azionista di minoranza Marco Fossati. Con il 5 per cento di Telecom, Fossati ha promosso l’assemblea degli azionisti del 20 dicembre pros- simo per la revoca del cda. Lo scontro è sul prestito “convertendo”(obbligazioni che di- venteranno azioni fra tre anni) emesso dal cda Telecom la sera del 7 novembre. Fossati accusa la società di non avergli consentito di sottoscrivere la sua quota (65 milioni di euro su 1,3 mi- liardi). “Per quanto mi risulta – accusa Patuano – Fossati è stato contattato da Siniscalco per telefono”. Domenico Siniscalco è il presidente per l’Italia di Morgan Stanley, banca incaricata di collocare le obbligazioni. FOSSATI , che mentre Patuano parla al Senato è impegnato in un’intervista negli studi di Fatto Tv, precisa: “Sono stato io la sera di giovedì 7 novembre a contatarlo via sms alle ore 22.44. A do- manda Siniscalco rispondeva di non essere al corrente dei termi- ni della transazione, e comun- que a lui risultava essere un au- mento di capitale offerto a tutti”. Il collocamento (1,3 miliardi) è stato chiuso in poche ore. Ieri sera una nota di Telecom Italia ha ribadito che le banche collcatrici “hanno cercato di mettersi in contatto telefonico con l’azionista, non ricevendo risposta. Successivamente sono intercorsi contatti con l’azionista, da cui non è emerso un interesse a prendere parte al collocamento”. Sulle modalità dell’operazione sta indagandola Consob,che la settimana scorsa ha perquisito gli uffici della Telecom dopo l’esposto di Fossati. Dunque non solo i comuni mortali si chiedono se operazioni finanziarie da centinaia di milioni di euro vengano gestite all’insegna del “ti ho chiamato ma ce l’avevi spento”. O se Fossati sia, come sottintende Patuano, un bugiardo. Sullo sfondo c’è il vero scontro, l’assemblea del 20 dicembre. Fos- sati esplicita per la prima volta in Italia la domanda finora evitata dal sistema di potere imperniato su Mediobanca: è giusto che un azionista minoritario decida i destinidi unasocietàposseduta in maggioranza da altri? TELECOM ITALIA è controllata dalla scatola Telco (di cui sono soci Telefónica España, Mediobanca, Assicurazioni Generali e Intesa Sanpaolo) con il 22,5 per cento delle azioni, perché il 77,5 per cento del capitale è frazio- nato e meno della metà degli azionisti si presentano in assemblea. Il 22,5 per cento di Telco elegge a termini di statuto 12 dei 15 consiglieri d’amministrazione, mentre al 77,5 per cento del capitale ne spettano tre. Fossati chiede ai fondi d’investimento italiani e stranieri (che gestiscono i risparmi dei cittadini) di allearsi per votare un consiglio più attento agli interessi dell’azienda e non solo a quelli dell’azionista dominante. Ma tutto dipende dalla Assogestioni, che riunisce i fondi italiani. Siniscalco si è appena dimesso dalla presidenza, per incompatibilità con i ricchi incarichi dati da Telecom a Morgan Stanley. Adesso c’è alla guida il vicario, Giordano Lombardi, uomo Unicredit, visto che i maggiori fondi sono controllati dalle stesse grandi banche e assicurazioni azioniste di Telco. NEL FESTIVAL del conflitto d’interessi il numero uno di Unicredit, Federico Ghizzoni, ha detto: “Non credo a uno scherzetto di Assogestioni a Tel- co”. Per l’appunto. Fossati ha replicato a stretto giro: “Tocca a voi banchieri dimostrare ai vostri clienti che volete fare il loro interesse e non i vostri. Assogestioni ed i fondi associati non votando per la revoca dimostrerebbero la loro malafede”. Scene di caccia nel basso capitalismo. Twitter@giorgiomeletti

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il novembre 23, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: