La Cassazione boccia i referendum sulla diaria e sulla riforma Fornero

voto-referendum3-940x500-300x159

Niente da fare per i referendum sul taglio dei costi della politica e sul lavoro. La Cassazione li ha definiti inammissibili in quanto presentati prima della decorrenza dei sei mesi dai comizi elettorali.
-articolotre Redazione-12/11/2013 attualità
Niente referendum per tagliare i costi della politica né per modificare la riforma Fornero. La Cassazione ha dichiarato inammissibili entrambi perché sono stati presentati il 7 e il 9 gennaio e, nonostante oltre un milione di firme, la legge vieta di proporre referendum entro i sei mesi dai comizi elettorali.
Il primo chiedeva un’opinione ai cittadini sulla diaria dei politici, per annullare eventualmente il rimborso delle spese versato da ogni parlamentare per l’alloggio nella capitale. Il secondo invece voleva abrogare le modifiche dell’articolo 18 che la Fornero aveva introdotto.
Passa però il referendum che vuole annullare la riforma sui tribunali

e sulla loro nuova disposizione geografica. Ora che la Cassazione lo ha approvato spetterà alla Corte Costituzionale pronunciarsi su di esso.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il novembre 13, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: