A FIUMICINO “Siamo terrorizzati, 8 aerei sono già a terra

fe7f99c76fcee68ab2edd42e5f2d3471522b424a70d38
Fatto Quotidiano del 1/10/2013 attualità di Tommaso Rodano
A Fiumicino il cielo è appena velato, quasi sereno, attraversato periodicamente dal profilo degli aerei e dal rumore dei motori. A terra, l’aria è pesante. Tra i terminal degli arrivi nazionali e in- ternazionali del Leonardo Da Vinci (T2 e T3), c’è un varco che porta agli uffici degli equipaggi. Lungo il corridoio passeggiano le persone che fanno volare, fisicamente, gli aerei di Alitalia: coman- danti, piloti e assistenti. Quasi nessuno ha voglia di parlare. Né delle vicende dell’azienda, né dello spirito con cui si sale in cielo, o si sta a terra, in periodi come questo. Scappano via. “Abbiamo l’impegno di non rispondere alla stampa, non possiamo” – ripetono come un mantra. Oppure: “Tutto ciò che sappiamo è quello che leggiamo sui giornali”. Un ufficiale risponde a mezza bocca, di fretta: “Se arrivano i francesi, la metà di noi va a casa. Meglio gli arabi”. SI FERMANO in pochi e tutti, rigorosa- mente, pretendono di restare anonimi. Dopo essersi allontanato dal corridoio, in direzione dei parcheggi, un coman- dante non si trattiene: “Come stiamo? Secondo lei? Incazzati e spa- ventatissimi. Siamo spremuti: è una situa- zione che va avanti da anni. È il capolavoro della politica e dei ‘capitani coraggiosi’”. Il pilota è indeciso se continuare a parlare o andare via (“Lei ha letto il mio nome sul badge. La prego, ho famiglia e figli”). Si ferma e prosegue: “Siamo con- sapevoli di cosa sta succedendo. Chi dice il contrario finge, o lo fa per paura: veniamoda annidipressioninon solo psicologiche, di minacce di provvedimenti disciplinari”. Conclude, con la voce tira- ta dalla frustrazione: “Alitalia ha costi più bassi delle altre grandi compagnie. Non è vero che noi dipendenti siamo viziati: i nostri stipendi sono più alti solo rispetto a quelli delle low cost . Il problema non è il costo del lavoro, il problema è che qui i soldi scompaiono. Qual è il vero bilancio dell’azienda? Quanto è grande? Quanto costa prendere gli aerei da Carlo Toto?”. Chi si ferma a parlare con Il Fatto , spiega che la famiglia Toto è proprietaria di una parte degli airbus di Alitalia. La rete di aziende che fa capo a Toto ha comprato gli aerei in Irlanda e li ha “affittati”in leasing alla compagniaitaliana. “L’acquisto degli airbus –aggiunge un altro pilota –è stato agevolato da un prestito di Intesa San Paolo, la stessa banca che si è ‘inventata’la Cai. Strano, eh?”. E ORA CHE SUCCEDE? “Non c’è nessuna certezza – sospira -. Air France dice di non voler investire, ma uscire dall’allean – za è quasi impossibile. L’integrazione a livello societario e organizzativo è troppo forte. I francesi vogliono una due diligence per capire quanto vale davvero la compagnia eper conoscere le reali dimensioni del buco. Alitalia non è quotata in borsa: i bilanci non sono chiari, diciamo”. E il vostro lavoro? “I segnali fanno paura. La scorsa settimana ai piloti è arrivata una lettera: tutte le ferie residue e non richieste devono esseresmaltite nel mese di novembre. Non possono metterle a bilancio”. E poi ci sono gli aerei che restano a terra. “L’azienda, ufficiosa- mente, ha ammesso di aver fermato otto airbus – confessa ancora il pilota – ma siamo convinti che saranno molti in più. Diminuiscono le tratte, si dismette, si di- sinveste. Si perde lavoro. Gli aeroplani in leasing restituiti ai proprietari. Prima di rimandarli da dove sono venuti, li ten- gono fermi negli hangar. Può andare a vedere con i suoi occhi”. Tra i palazzi di vetrodegli uffici Alitalia, all’esterno del- l’area dei terminal, c’è un lungo rettilineo circondato da una rete metallica. Un airbus è abbandonato dall’altra parte della recinzione, con i motori coperti da teli bianchi.Eogniaereo dà lavoroa 90 per- sone.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il novembre 2, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: