La ditta Angelino Tutti gli uomini di Alfano: industria da 3 milioni l’anno

alfano Fatto Quotidiano del 28/10/2013 Emiliano Liuzzi attualità
I detrattori lo chiamano Beghelli, per via di quella calvizie arrivata anzi- tempo; quelli che a capo del Pdl lo avevano sponsoriz- zato – Gianni Letta su tutti – si limitavano a definirlo servi- zievole. Questo almeno fino al 2011, quando ha capito che il “gangster”, inteso come Berlusconi, aveva qualche pupa in meno e pochi proiet- tili ancora da sparare. Perché Angelino Alfano, probabil- mente, la parte dell’allegro fessacchiotto, l’ha solo reci- tata. La faccia vera, quella del delfino che non ha voglia di farsi sbranare, l’ha mostrata il 2 ottobre 2013, giorno della fiducia. Quando ha riunito le colombe che si sono trasfor- mate negli squali assetati di Silvio Berlusconi. OGGI, L’O N O R E VO L E Ange – lino Alfano dalla piana di Agrigento, è uno degli uomini più potenti (o almeno ci pro- va) di questo Paese. Da ser- vitore a servito. Tra le cariche colleziona quella di vicepre- mier dell’amico di vecchia da- ta, tempi dc per intendersi, Enrico Letta, ministro dell’In – terno e, ovviamente, parla- mentare. La carica di segre- tario Pdl gliel’ha tolta Berlu- sconi, ma la vicenda dello scontro interno al centrode- stra deve ancora essere con- clusa. Tutto questo vuol dire avere al fianco più che una serie di collaboratori, un’industria che arriva a tre milioni di fat- turato all’anno solo per i col- laboratori scelti direttamente da lui. Per quello che è dato sapere, visto che il fu delfino alcuni emolumenti ai dipen- denti del ministero, nono- stante siano obbligatori, non ci pensa proprio a renderli noti. Un esercito di persone più che fidate, a partire dalla segretaria, Danila Subranni , ufficialmente stipendiata dal- la Presidenza del Consiglio dei ministri con un compenso (diretta collaborazione dice il riepilogativo) di 50 mila euro all’anno che vanno a som- marsi allo stipendio previsto per i dipendenti di fascia E del ministero, che sono pari a 91.364 euro lordi ogni anno. Questo nel ruolo di portavoce e per la parte di emolumenti ministeriali, quelli che po- trebbe ricevere dal partito, ovviamente non sono resi no- ti. A Capo della segreteria par- ticolare del vicepremier siede invece Giovanni Antonio Mac- c h i a ro l a , professione avvoca- to: lo stipendio, pagato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, 185.097 euro, divisi tra le voci di “trattamento economico fondamentale”, “accessorio” e “indennità di collaborazione”. Stipendio che per il capo di cabinetto, Manlio Strano , arriva – sem- pre diviso tra le tre voci – a 195.389 euro lordi all’anno. Salvatore Mazzamuto , che di Alfano è consigliere per le questioni giuridiche, ha uno stipendio ufficiale uguale a quello della portavoce Su- branni, 91.364 euro lordi al- l’anno. L’INDUSTRIA ALFANO non si ferma a questi nomi, ovvia- mente. Marco Villani , consi- gliere diplomatico di Alfano, percepisce un compenso an- nuo lordo di euro 92.846,71. Marco Canaparo , anche lui consigliere del super mini- stro, 55.354,82. Isabella Rauti (figlia dello storico leader del- la Fiamma Tricolore Pino Rauti, moglie di Gianni Ale- manno), consigliere per le po- litiche di contrasto alla vio- lenza di genere ha un com- penso annuo 74.480,98 euro. La nomina al ministero di Rauti è avvenuta – ma si tratta di una casualità o comunque non abbiamo elementi per di- re il contrario – lo stesso gior- no in cui il marito ha perso la poltrona di sindaco. Ufficialmente a titolo gratuito è l’incarico a collaboratore della segreteria del ministro dell’ex consigliere comunale di Agrigento Davide Tedesco , parente dell’attuale deputato Pdl all’Assemblea Regionale Siciliana Enzo Fontana. Ro – berto Rametta , anche lui col- laboratore della segreteria del ministro, ha uno stipendio di 41.600 euro. Tutti sul tetto dei 41 mila euro l’anno anche gli altri collaboratori, come Na- tascia Marani, Alfonso Gallo Carrabba, Angelo Pisanu Pe- trini, Aldo Piazza (ex sindaco di Agrigento), Ivan Paci (ex consigliere provinciale e ca- pogruppo del Pdl di Agrigen- to. SIAMO alla modestissima ci- fra di un milione e 354 euro e rotti, ma parliamo solo di quello che riguarda lo staff ri- stretto del vicepremier. A questa cifra vanno aggiunti gli addetti stampa (solo i diret- tori dei vari settori sono cin- que), e il gabinetto del mini- stro che può contare su 12 uf- fici e, i responsabili degli uf- fici, sono tutti inquadrati co- me prefetti con uno stipendio che si aggira attorno ai 150.000 euro all’anno, per un totale di un milione e otto- centomila euro all’anno

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il ottobre 30, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: