Ma mi faccia il piacere (Marco Travaglio).

foto-marco-travaglio-servizio-pubblico-150x150
Da IL Fatto Quotidiano del 28/10/2013. Marco Travaglio attualità
Dolce Euchessina. “Berlusconi si libera” (titolo di prima pagina de Il Giornale, 26-10). Poi Angelino passa a raccogliere con la paletta. Pagliacci/1. “Sergio De Caprio, il mitico ufficiale dei carabinieri che 20 anni fa arrestò Totò Riina, è certo: la tesi che lo Stato abbia trattato con Cosa Nostra ‘è una pagliacciata’” (Giorgio Mulè, Panorama, 30-10). Povero piccino, la mamma non gli ha ancora detto niente. Pagliacci/2. “Io e i miei ragazzi saremo sempre a fianco del presidente della Repubblica” (Sergio De Caprio, alias Capitano Ultimo, Panorama, 30-10). Sì, ma non troppo vicino, specie quando telefona: se no quello s’incazza.

Sensazioni. “Io mi sento ancora giornalista” (Augusto Minzolini, deputato Pdl, La Stampa, 25-10). C’è sempre una prima volta.

Le pezze e il culo. “Bisogna essere credibili sui conti pubblici a casa propria. Se un paese ha conti pubblici in disordine o le pezze al culo…” (Enrico Letta, presidente del Consiglio, 25-10). Pezze? Quali pezze?

Ok il prezzo è giusto. “Scelta civica si avvia alla scissione. Monti: non fatevi svendere” (Corriere della sera, 23-10). Tirate sul prezzo.

Prospettive. “Italia superata dalla Russia: ora è solo nona tra i grandi” (Repubblica, 23-10). Cioè prima fra i piccoli. Sono soddisfazioni.

L’handicap. “Oddio, ci ridanno la Bindi” (il Giornale, 23-10). Antimafia, eletta Rosy Bindi ma la maggioranza si spacca. Il Pdl minaccia l’Aventino. Brunetta: si dimetta subito. Malumore anche tra i democratici” (Repubblica, 23-10). Pare che sia addirittura incensurata.

Banale in casa Cuperlo. “…la presa d’atto dell’esistenza di una domanda di beni relazionali come l’amicizia e la fiducia… nulla del resto può compensare il venir meno delle narrazioni sul significato della storia se non la potenza di un nucleo di libertà e doveri fondamentali che percorre il mondo segnando la strada di una pienezza della dignità…” (dalla mozione di Gianni Cuperlo per il congresso Pd, Libero, 23-10). Lo portano via.

SemiLibero. “Già liberi tutti i devastatori di Roma. Scarcerati sei ‘antagonisti’ fermato sabato nel corso di uno dei cortei che hanno messo a soqquadro la Capitale: per il gip manca la prova del loro coinvolgimento. Ma il pm fa ricorso” (Libero, 24-10). Cioè, non ci sono prove, ma per i garantisti di Libero quelli restano i devastatori di Roma. E meno male che il giornale si chiama “Libero”, figurarsi se si chiamasse “Recluso”.

Il ripetente. “Nella mia vita ho avuto a che fare con professori affetti da sindrome da cattedra” (Maurizio Gasparri, Libero, 22-10). L’ultimo lo intravide alle medie. Mission impossible. “Il giudice Esposito in tournèe per ‘bonificare la politica’” (Libero, 22-10). Vanificando così gli sforzi della politica.

Innominabile, inascoltabile, invisibile. “In realtà l’unico potere dispiegato senza risparmio da Napolitano è invisibile e leggero come la rugiada… Si chiama moral suasion, persuasione morale: un distillato d’avvertimenti, moniti, richiami. E sempre all’insegna delle riforme, dalla Costituzione alla legge elettorale, dal lavoro alla giustizia…” (Michele Ainis, Corriere, 22-10).

É tornato buono. “Senatore Formigoni, cosa c’è che non va nel Pdl?”, “A cosa si riferisce?”, “Sta dicendo che il Pdl è tornato in mano ai falchi?”, “Quale?”, “Mi sta dicendo che, se le cose non cambiano, lei e gli altri senatori siete pronti a uscire dal Pdl?”, “Anche se il senato decidesse la decadenza di Berlusconi?”, “E se alla fine prevalesse la linea dei lealisti?”, “Non è che siete pronti a far rinascere la Dc?” (intervista di Repubblica a Formigoni, 22-10). Belli i tempi delle 10 domande di Repubblica a Formigoni sul processo per corruzione. Ma non tornano più.

Nostradamus. “Il Cavaliere frena su Forza Italia” (Francesco Verderami, Corriere, 24-10). “Berlusconi cancella il Pdl. Torna Forza Italia” (Corriere, 26-10). Figurarsi se non frenava.

La tela di Penelope. “Arriva Cottarelli, il taglia-sprechi” (Corriere, 24-10). Chissà quanto ci costa.

Diplomazia comunale. “Aiutiamo la Birmania a cambiare” (Piero Fassino, sindaco di Torino, Corriere, 27-10). Mo’ me lo segno.

Radunata sediziosa. “L’ultima svolta di Berlusconi: ‘Possiamo candidare Marina’. Richiamati in servizio Dell’Utri, Bertolaso… insieme a Santanchè, Fitto e Matteoli, per rilanciare Forza Italia” (Repubblica, 27-10). Il summit si è svolto nell’ora d’aria.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il ottobre 28, 2013, in attualità, Marco Travaglio, Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: