PD, LARGO AI SIGNORI DELLE TESSERE PROTESTE E RICORSI IN MEZZA ITALIA.

le-posizioni
DALLA CAMPANIA DI DE LUCA ALLA SICILIA DI GENOVESE, SINO ALLA PUGLIA DEI MILLE RAS: CODE NEI CIRCOLI, VELENI E CONGRESSI RINVIATI. E TANTI CAPIBASTONE SI SCOPRONO RENZIANI.
Da Il Fatto Quotidiano del 27/10/2013 attualità
Tesseramenti gonfiati, truppe cammellate, valanghe di ricorsi e commissari dal partito centrale, a cercare di riportare un minimo di ordine. I congressi locali del Pd, in corso in tutta Italia, sono il campo di battaglia di capibastone e signori delle tessere.

Campania: Bassolino guarda, De Luca domina

Corre alla velocità di 1000 tessere al giorno la campagna di adesione al Pd a Napoli e in provincia. E chissà cosa succederà ai seggi dei congressi di circolo,visto che il regolamento consente il tesseramento last minute, anche un attimo prima del voto. Per ora siamo a 21.000, rispetto ai 17.000 con cui si chiuse il tesseramento precongressuale del 2012. Il meglio, però, deve ancora venire. Sbaglia chi pensa che dietro all’incetta di blocchi di tessere ci siano i big del passato. Antonio Bassolino, tanto per dirne uno, non se ne è minimamente occupato. La sua voglia di rilanciarsi sul palcoscenico politico passa per le autobiografie, le interviste fiume e le comparsate alle iniziative anti De Magistris – martedì 29 è atteso alla presentazione di Pubblico Mistero di Chiocci e Di Meo, libro che fa a pezzi l’ex pm e la sua rivoluzione arancione – ma non prevede il controllo diretto del partito. Bassolino sa bene che se dovesse ridiscendere in campo, sarà il Pd a venire da lui e non il contrario. Alle beghe delle tessere ci pensano l’europarlamentare Andrea Cozzolino, i consiglieri regionali Antonio Marciano, Mario Casillo, Raffaele Topo, il deputato Massimo Paolucci. I numeri spiccano perché la commissione di garanzia ha autorizzato tesseramenti e circoli persino in paesi e luoghi dove non erano mai avvenuti e mai nati. Peccato che in qualche città alcune liste della competizione provinciale tra l’uscente Gino Cimmino e il sindaco di Melito Venanzio Carpentieri siano state annullate perché i candidati all’assemblea dei delegati hanno disconosciuto la firma. Sul suo blog,Giuseppe Civati denuncia: “Marco Sarracino, segretario dei Gd e mio caro amico, che aveva più volte denunciato la crescita esponenziale delle tessere, oggi (ieri, ndr) è stato schiaffeggiato da un consigliere del Pdl che stava facendo tessere per il congresso del Pd. Avevamo chiesto di piantarla e che tutti quanti si dessero una calmata. A Napoli la pessima figura delle primarie di due anni fa non è bastata”. Tensione anche ad Avellino, dove 4 candidati alla segreteria provinciale su 5 cinque denunciano il tesseramento gonfiato, e a Salerno, dove Vincenzo Pedace e Sergio Annunziata minacciano per protesta il ritiro dalla competizione contro il segretario provinciale uscente Nicola Landolfi. Un fedelissimo del vero signore del partito salernitano, il sindaco-viceministro da 176 giorni incompatibile Vincenzo De Luca.

Calabria: a Catanzaro renziano con condanna

Tornano i congressi e in Calabria si rivedono i “signori delle tessere”. Dopo un lungo periodo di commissariamento per il Pd regionale, le segreterie dei circoli sembrano diventate un luogo di pellegrinaggio . Il partito sta moltiplicando gli iscritti. I circoli “fantasma”, dopo anni di inattività, si svegliano dal letargo per appoggiare questo o quel candidato. Gli avversari di ieri sono gli alleati di oggi. Ecco come in Calabria tutti stanno diventando “renziani”. Strane alleanze e “anomali gonfiori” caratterizzano la corsa alla segreteria provinciale.“È tutta una conta di tessere” confessa un consigliere regionale. Nel Cosentino c’è chi lo ha denunciato: “Il tesseramento si sta svolgendo senza verifiche.”. A Reggio è in corsa Domenico Idone, sindaco di Campo Calabro, Comune per il quale il Viminale ha disposto la commissione d’accesso per verificare infiltrazione mafiose. Situazione complicata è a Catanzaro dove, per il presidente di un circolo, Antonio Tarantino, “si è superato il limite alla decenza e al gattopardismo”. Tarantino aveva fatto ricorso contro la candidatura alla segreteria provinciale del neo-renziano Enzo Bruno, condannato a un anno di carcere per truffa aggravata ai danni della pubblica amministrazione.Prima“bersaniano”, Bruno è un ex consigliere provinciale del Pd, da quasi dieci anni componente “della struttura speciale” del consigliere regionale Piero Amato.In sostanza, quando era consigliere provinciale Bruno avrebbe usufruito dei rimborsi per missioni che, in realtà, erano pernottamenti con la famiglia a Montecatini Terme e a Roma. “Sono una persona per bene-si difende Bruno-Ilpartito deve difendermi perché è una vicenda che supererò. Non possiamo essere falciati da un’onda giustizialista”. E il partito lo ha difeso: la commissione di garanzia nazionale ha dato il via libera alla sua candidatura. Per Bruno si stanno muovendo i pezzi da novanta del partito calabrese, quelli che Salvatore Scalzo, ex candidato a sindaco di Reggio Calabria, chiama “i capibastone, che considerano le persone come tessere da far valere nei congressi”.

Sicilia: pure Genovese si scopre renziano

A Messina si muovono le truppe di Fracantonio Genovese, pronte a sostenere la candidatura del rottamatore Basilio Ridolfo a segretario del Pd, a Trapani quelle di Nino Papania, in attesa di istruzioni, guardano a Renzi con favore: tra tessere fantasma, congressi annullati (l’ultimo è quello di Catania, cancellato ieri) e iscrizioni sospette nel Pd siciliano vecchi ras e giovani leoni si scoprono renziani e ingrossano le fila dei fedelissimi del sindaco di Firenze, che appena un anno fa contava uno sparuto gruppo di aficionados. Più che un’Opa, come l’ha definita il deputato Concetta Raia, è un assalto al carro del potenziale vincitore, a partire dai boss della formazione professionale, serbatoio di stipendi e consensi, Genovese e Platania, entrambi provenienti dalla Margherita. Muovono migliaia di voti nelle province di Messina e Trapani affamate di lavoro e con loro si sono convertiti alla Leopolda politici navigati come Leoluca Orlando ed Enzo Bianco, ma anche giovani leoni come Fabrizio Ferrandelli, ex delfino di Orlando e il sindaco di Agrigento Marco Zambuto, cresciuto nel movimento giovanile dell’Udc. Stregata da Renzi, Stefania Munafò ha abbandonato il centrodestra per correre in soccorso del rottamatore: consigliere comunale a Palermo, fino a due mesi stava nel partito di Lombardo. E vicino a Lombardo era anche il deputato Pd Giuseppe Laccoto, ex presidente della commissione Sanità, un passato in Forza Italia, oggi renziano di ferro. Intanto le file per il tesseramento fuori dai circoli del Pd sono diventate chilometriche. A Catania, dove avevano mandato come osservatore il bersaniano Nino Stumpo, tutto congelato. I due candidati segretario provinciale Jacopo Torrisi e Mauro Mangano hanno ritirato le candidature. E il coordinatore della Commissione provinciale per il congresso ha sospeso le procedure.

Puglia: consultazioni a rischio a Lecce e Foggia

Più che una realtà vera, le tessere che nel Pd pugliese starebbero lievitando come il pane sembrano un alibi per congelare i congressi. Almeno quelli più controversi, alle due estremità della regione: Lecce e Foggia. Contese aspre, anche a causa delle casacche indossate da parlamentari e assessori regionali. È addosso a quelle dispute avvelenate che sono puntati gli occhi di Roma. Lunedì a Bari arriverà Davide Zoggia, responsabile organizzazione del partito. “Abbiamo richiestolasuapresenza-diceLoredana Legrottaglie, a capo della Commissione regionale di garanzia – per capire cosa fare in queste due province. Al momento, siamo orientati per la prosecuzione delle elezioni dei segretari. Al di là di quello che alcuni candidati denunciano, non stiamo riscontrando anomalie”. Ad oggi, è Cerignola, in Capitanata, l’unico caso sul quale è stata richiesta una verifica formale. A far drizzare le antenne è stato il segretario cittadino, Tommaso Sgarro: “È inaccettabile il mercimonio sui consensi che c’è stato la sera del voto ad opera di alcuni noti veterani del tesseramento coatto”. L’anomalo scontro, in terra foggiana, è tra due renziani, Michele Piemontese e Michelangelo Lombardi, quest’ultimo sostenuto dall’assessore regionale alla Sanità, Elena Gentile. Rischia di essere sospeso, poi, il congresso leccese. Per monitorarlo è stato inviato come osservatore, il parlamentare laziale Roberto Morassut. La denuncia sui tesseramenti gonfiati è di Alfonso Rampino, candidato supportato dai parlamentari Teresa Bella-nova e Salvatore Capone, ma attualmente il più in difficoltà. A sparigliare le carte, a giochi già iniziati, sarà, tuttavia, la disposizione data da Luigi Berlinguer: salta il regolamento solo pugliese, che, al primo turno, prevedeva l’elezione dei segretari provinciali con il voto del 50 per cento uno degli iscritti, invece che dei delegati, come altrove. Una retromarcia che contribuirebbe a vanificare, qualora ci fossero, gli “acquisti” in extremis di pacchetti di tessere.

Basilicata: niente casi ma tanti maggiorenti

È il nuovo uomo forte del Pd lucano, Roberto Speranza, ma non ancora così forte da staccarsi dal “grande vecchio” Filippo Bubbico che, dicono, per lui ha sempre avuto un debole. Alti e bassi tra Roma e Potenza, per il giovane Roberto, classe 1979, a trent’anni già segretario regionale del Pd regionale. Ha dovuto mollare la presa un mese fa: proprio quando la sua carriera politica nazionale lo mostrava più in forma, eletto deputato a marzo e poi capogruppo del Pd alla Camera, scopre di avere fiato corto a casa sua: primarie per le elezioni regionali, lui punta su Piero La Corazza, ma vince Marcello Pittella. Speranza lascia la poltrona di segretario regionale, sulla quale siede adesso il lettiano Vito de Filippo, ex governatore a lungo braccio destro di Bubbico che resta sempre in piedi. Sono questi gli equilibri del Pd lucano, in vista delle primarie nazionali, con Bubbico sempre pronto a fare da ago della bilancia. A 38 anni dalla sua prima battaglia politica – occupava il guardino di via Meda, a Roma, per impedirne la cementificazione – Bubbico è viceministro dell’Interno con medaglia di saggio, appostagli dal presidente Giorgio Napolitano. È un uomo che sa aspettare. Nel 2005 – trent’anni dopo – torna in via Meda, da governatore lucano, accompagnato dal sindaco Veltroni per inaugurarvi un parco. L’unico vero tradimento che si ricordi, fu quello ordito dai bachi da seta che, un giorno, ebbe l’idea di allevare – utilizzando anche fondi europei – senza alcun successo. Erano gli anni in cui l’ex pm Luigi de Magistris lo definiva “il collante tra quella parte della politica, della magistratura e degli imprenditori, che fanno affari in violazione di legge”. Il tempo diede a Bubbico piena soddisfazione: l’ex pm fu trasferito e chi n’ereditò l’inchiesta decise d’archiviare. Mai nessuna condanna, resta un’indagine aperta per la nomina, nel 2005, di un consulente in Regione che, secondo l’accusa, fu illegittima: fascicolo destinato alla prescrizione. Nel novembre 2003 Berlusconi voleva costruire, a Scanzano Jonico, il deposito unico per le scorie nucleari. Bubbico guidò un corteo di 100mila lucani: dimenticò di rivelare che lui di quel deposito aveva saputo in anticipo.

DALLA CAMPANIA DI DE LUCA ALLA SICILIA DI GENOVESE, SINO ALLA PUGLIA DEI MILLE RAS: CODE NEI CIRCOLI, VELENI E CONGRESSI RINVIATI. E TANTI CAPIBASTONE SI SCOPRONO RENZIANI.

Tesseramenti gonfiati, truppe cammellate, valanghe di ricorsi e commissari dal partito centrale, a cercare di riportare un minimo di ordine. I congressi locali del Pd, in corso in tutta Italia, sono il campo di battaglia di capibastone e signori delle tessere.

Campania: Bassolino guarda, De Luca domina

Corre alla velocità di 1000 tessere al giorno la campagna di adesione al Pd a Napoli e in provincia. E chissà cosa succederà ai seggi dei congressi di circolo,visto che il regolamento consente il tesseramento last minute, anche un attimo prima del voto. Per ora siamo a 21.000, rispetto ai 17.000 con cui si chiuse il tesseramento precongressuale del 2012. Il meglio, però, deve ancora venire. Sbaglia chi pensa che dietro all’incetta di blocchi di tessere ci siano i big del passato. Antonio Bassolino, tanto per dirne uno, non se ne è minimamente occupato. La sua voglia di rilanciarsi sul palcoscenico politico passa per le autobiografie, le interviste fiume e le comparsate alle iniziative anti De Magistris – martedì 29 è atteso alla presentazione di Pubblico Mistero di Chiocci e Di Meo, libro che fa a pezzi l’ex pm e la sua rivoluzione arancione – ma non prevede il controllo diretto del partito. Bassolino sa bene che se dovesse ridiscendere in campo, sarà il Pd a venire da lui e non il contrario. Alle beghe delle tessere ci pensano l’europarlamentare Andrea Cozzolino, i consiglieri regionali Antonio Marciano, Mario Casillo, Raffaele Topo, il deputato Massimo Paolucci. I numeri spiccano perché la commissione di garanzia ha autorizzato tesseramenti e circoli persino in paesi e luoghi dove non erano mai avvenuti e mai nati. Peccato che in qualche città alcune liste della competizione provinciale tra l’uscente Gino Cimmino e il sindaco di Melito Venanzio Carpentieri siano state annullate perché i candidati all’assemblea dei delegati hanno disconosciuto la firma. Sul suo blog,Giuseppe Civati denuncia: “Marco Sarracino, segretario dei Gd e mio caro amico, che aveva più volte denunciato la crescita esponenziale delle tessere, oggi (ieri, ndr) è stato schiaffeggiato da un consigliere del Pdl che stava facendo tessere per il congresso del Pd. Avevamo chiesto di piantarla e che tutti quanti si dessero una calmata. A Napoli la pessima figura delle primarie di due anni fa non è bastata”. Tensione anche ad Avellino, dove 4 candidati alla segreteria provinciale su 5 cinque denunciano il tesseramento gonfiato, e a Salerno, dove Vincenzo Pedace e Sergio Annunziata minacciano per protesta il ritiro dalla competizione contro il segretario provinciale uscente Nicola Landolfi. Un fedelissimo del vero signore del partito salernitano, il sindaco-viceministro da 176 giorni incompatibile Vincenzo De Luca.

Calabria: a Catanzaro renziano con condanna

Tornano i congressi e in Calabria si rivedono i “signori delle tessere”. Dopo un lungo periodo di commissariamento per il Pd regionale, le segreterie dei circoli sembrano diventate un luogo di pellegrinaggio . Il partito sta moltiplicando gli iscritti. I circoli “fantasma”, dopo anni di inattività, si svegliano dal letargo per appoggiare questo o quel candidato. Gli avversari di ieri sono gli alleati di oggi. Ecco come in Calabria tutti stanno diventando “renziani”. Strane alleanze e “anomali gonfiori” caratterizzano la corsa alla segreteria provinciale.“È tutta una conta di tessere” confessa un consigliere regionale. Nel Cosentino c’è chi lo ha denunciato: “Il tesseramento si sta svolgendo senza verifiche.”. A Reggio è in corsa Domenico Idone, sindaco di Campo Calabro, Comune per il quale il Viminale ha disposto la commissione d’accesso per verificare infiltrazione mafiose. Situazione complicata è a Catanzaro dove, per il presidente di un circolo, Antonio Tarantino, “si è superato il limite alla decenza e al gattopardismo”. Tarantino aveva fatto ricorso contro la candidatura alla segreteria provinciale del neo-renziano Enzo Bruno, condannato a un anno di carcere per truffa aggravata ai danni della pubblica amministrazione.Prima“bersaniano”, Bruno è un ex consigliere provinciale del Pd, da quasi dieci anni componente “della struttura speciale” del consigliere regionale Piero Amato.In sostanza, quando era consigliere provinciale Bruno avrebbe usufruito dei rimborsi per missioni che, in realtà, erano pernottamenti con la famiglia a Montecatini Terme e a Roma. “Sono una persona per bene-si difende Bruno-Ilpartito deve difendermi perché è una vicenda che supererò. Non possiamo essere falciati da un’onda giustizialista”. E il partito lo ha difeso: la commissione di garanzia nazionale ha dato il via libera alla sua candidatura. Per Bruno si stanno muovendo i pezzi da novanta del partito calabrese, quelli che Salvatore Scalzo, ex candidato a sindaco di Reggio Calabria, chiama “i capibastone, che considerano le persone come tessere da far valere nei congressi”.

Sicilia: pure Genovese si scopre renziano

A Messina si muovono le truppe di Fracantonio Genovese, pronte a sostenere la candidatura del rottamatore Basilio Ridolfo a segretario del Pd, a Trapani quelle di Nino Papania, in attesa di istruzioni, guardano a Renzi con favore: tra tessere fantasma, congressi annullati (l’ultimo è quello di Catania, cancellato ieri) e iscrizioni sospette nel Pd siciliano vecchi ras e giovani leoni si scoprono renziani e ingrossano le fila dei fedelissimi del sindaco di Firenze, che appena un anno fa contava uno sparuto gruppo di aficionados. Più che un’Opa, come l’ha definita il deputato Concetta Raia, è un assalto al carro del potenziale vincitore, a partire dai boss della formazione professionale, serbatoio di stipendi e consensi, Genovese e Platania, entrambi provenienti dalla Margherita. Muovono migliaia di voti nelle province di Messina e Trapani affamate di lavoro e con loro si sono convertiti alla Leopolda politici navigati come Leoluca Orlando ed Enzo Bianco, ma anche giovani leoni come Fabrizio Ferrandelli, ex delfino di Orlando e il sindaco di Agrigento Marco Zambuto, cresciuto nel movimento giovanile dell’Udc. Stregata da Renzi, Stefania Munafò ha abbandonato il centrodestra per correre in soccorso del rottamatore: consigliere comunale a Palermo, fino a due mesi stava nel partito di Lombardo. E vicino a Lombardo era anche il deputato Pd Giuseppe Laccoto, ex presidente della commissione Sanità, un passato in Forza Italia, oggi renziano di ferro. Intanto le file per il tesseramento fuori dai circoli del Pd sono diventate chilometriche. A Catania, dove avevano mandato come osservatore il bersaniano Nino Stumpo, tutto congelato. I due candidati segretario provinciale Jacopo Torrisi e Mauro Mangano hanno ritirato le candidature. E il coordinatore della Commissione provinciale per il congresso ha sospeso le procedure.

Puglia: consultazioni a rischio a Lecce e Foggia

Più che una realtà vera, le tessere che nel Pd pugliese starebbero lievitando come il pane sembrano un alibi per congelare i congressi. Almeno quelli più controversi, alle due estremità della regione: Lecce e Foggia. Contese aspre, anche a causa delle casacche indossate da parlamentari e assessori regionali. È addosso a quelle dispute avvelenate che sono puntati gli occhi di Roma. Lunedì a Bari arriverà Davide Zoggia, responsabile organizzazione del partito. “Abbiamo richiestolasuapresenza-diceLoredana Legrottaglie, a capo della Commissione regionale di garanzia – per capire cosa fare in queste due province. Al momento, siamo orientati per la prosecuzione delle elezioni dei segretari. Al di là di quello che alcuni candidati denunciano, non stiamo riscontrando anomalie”. Ad oggi, è Cerignola, in Capitanata, l’unico caso sul quale è stata richiesta una verifica formale. A far drizzare le antenne è stato il segretario cittadino, Tommaso Sgarro: “È inaccettabile il mercimonio sui consensi che c’è stato la sera del voto ad opera di alcuni noti veterani del tesseramento coatto”. L’anomalo scontro, in terra foggiana, è tra due renziani, Michele Piemontese e Michelangelo Lombardi, quest’ultimo sostenuto dall’assessore regionale alla Sanità, Elena Gentile. Rischia di essere sospeso, poi, il congresso leccese. Per monitorarlo è stato inviato come osservatore, il parlamentare laziale Roberto Morassut. La denuncia sui tesseramenti gonfiati è di Alfonso Rampino, candidato supportato dai parlamentari Teresa Bella-nova e Salvatore Capone, ma attualmente il più in difficoltà. A sparigliare le carte, a giochi già iniziati, sarà, tuttavia, la disposizione data da Luigi Berlinguer: salta il regolamento solo pugliese, che, al primo turno, prevedeva l’elezione dei segretari provinciali con il voto del 50 per cento uno degli iscritti, invece che dei delegati, come altrove. Una retromarcia che contribuirebbe a vanificare, qualora ci fossero, gli “acquisti” in extremis di pacchetti di tessere.

Basilicata: niente casi ma tanti maggiorenti

È il nuovo uomo forte del Pd lucano, Roberto Speranza, ma non ancora così forte da staccarsi dal “grande vecchio” Filippo Bubbico che, dicono, per lui ha sempre avuto un debole. Alti e bassi tra Roma e Potenza, per il giovane Roberto, classe 1979, a trent’anni già segretario regionale del Pd regionale. Ha dovuto mollare la presa un mese fa: proprio quando la sua carriera politica nazionale lo mostrava più in forma, eletto deputato a marzo e poi capogruppo del Pd alla Camera, scopre di avere fiato corto a casa sua: primarie per le elezioni regionali, lui punta su Piero La Corazza, ma vince Marcello Pittella. Speranza lascia la poltrona di segretario regionale, sulla quale siede adesso il lettiano Vito de Filippo, ex governatore a lungo braccio destro di Bubbico che resta sempre in piedi. Sono questi gli equilibri del Pd lucano, in vista delle primarie nazionali, con Bubbico sempre pronto a fare da ago della bilancia. A 38 anni dalla sua prima battaglia politica – occupava il guardino di via Meda, a Roma, per impedirne la cementificazione – Bubbico è viceministro dell’Interno con medaglia di saggio, appostagli dal presidente Giorgio Napolitano. È un uomo che sa aspettare. Nel 2005 – trent’anni dopo – torna in via Meda, da governatore lucano, accompagnato dal sindaco Veltroni per inaugurarvi un parco. L’unico vero tradimento che si ricordi, fu quello ordito dai bachi da seta che, un giorno, ebbe l’idea di allevare – utilizzando anche fondi europei – senza alcun successo. Erano gli anni in cui l’ex pm Luigi de Magistris lo definiva “il collante tra quella parte della politica, della magistratura e degli imprenditori, che fanno affari in violazione di legge”. Il tempo diede a Bubbico piena soddisfazione: l’ex pm fu trasferito e chi n’ereditò l’inchiesta decise d’archiviare. Mai nessuna condanna, resta un’indagine aperta per la nomina, nel 2005, di un consulente in Regione che, secondo l’accusa, fu illegittima: fascicolo destinato alla prescrizione. Nel novembre 2003 Berlusconi voleva costruire, a Scanzano Jonico, il deposito unico per le scorie nucleari. Bubbico guidò un corteo di 100mila lucani: dimenticò di rivelare che lui di quel deposito aveva saputo in anticipo.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il ottobre 27, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: