Mauro confessa: al Senato salverò B

corel
Da Il Fatto Quotidiano del 20/10/2013. Sara Nicoli attualità

SULLA DECADENZA IL MINISTRO DECIDERÀ “AL MOMENTO”. IL PIANO PER PRENDERE TEMPO E RIORGANIZZARE I POPOLARI.

E li chiamano “moderati”. Dentro Scelta Civica l’ora della resa dei conti è appena cominciata a botte di interviste incrociate grondanti risentimento . Se Mario Monti, dalle colonne del Corriere , accusa il ministro Mario Mauro e Pier Ferdinando Casini di “snaturare Scelta Civica”, nell’ottica di una politica “Gps, dei posizionamenti, dello slalom”, dalla Stampa il ministro della Difesa risponde e poi replica ancora da Padova, dove ieri si è svolto il primo convegno delle nuove anime del futuro “Partito popolare”: “È l’ora di fare una proposta politica concreta, ora abbiamo tempo perché il governo durerà ancora a lungo”. I motivi per cui Mauro ostenta sicurezza sulla tenuta di Letta nascono dal patto siglato con il Cavaliere che passa – anche, ma non solo – dal voto sulla sua decadenza in Senato. Che dopo la sentenza della Corte d’Appello di Milano di ieri, sembra sempre più incombente. Anche se, nella realtà, non lo è. L’accordo sarebbe quello di tentare di rinviare il più possibile il voto dell’aula di palazzo Madama sulla decadenza. Di fatto, l’evento non si potrà calendarizzare fino a quando la Giunta per il Regolamento non avrà detto la sua sulla proposta dei grillini riguardo al voto palese (appoggiato anche dal Pd), ma tocca ricordare che il presidente dell’organismo è Pietro Grasso. Che pare voglia prendersi tutto il tempo necessario per un’attenta valutazione del caso, “pressato” anche da Pdl, Lega e – a questo punto – gran parte di Scelta Civica a non accelerare i tempi. “Quello che vorremmo – ha detto infatti Gaetano Quagliariello – è che prima ci fosse una riflessione sulla legge Severino”.

Mauro, d’altra parte, ieri ha fatto eco a Casini sul fatto che “sul voto di decadenza di Berlusconi decideremo all’ultimo minuto”, ma la dichiarazione è servita solo a confondere le acque; il nuovo centrodestra ha bisogno di tempo per riorganizzarsi, i nuovi “popolari” sanno che non potranno fare a meno di Berlusconi, ma non lo vogliono neppure tra i piedi. Di qui la strategia che prevede, intanto , la creazione di un gruppo autonomo al Senato dove confluiranno, a partire probabilmente da martedì, i primi 12 transfughi da Sc. Poi potrebbe essere la volta degli alfaniani, in modo da creare la base per quello che sarà il nuovo “Partito Popolare”, intorno a cui costruire una sorta di “nuova” Casa delle Libertà, in un’ottica tutta elettorale. Svela, infatti, sempre Quagliariello: “Il centrodestra vuole provare a governare il Paese da solo ed è una cosa completamente diversa dal centro. È necessaria un’aggregazione tra forze, ma sono necessarie riforme delle istituzioni e della legge elettorale senza le quali il bipolarismo non si crea”. Si spiega così anche il placet dato da centristi e alfaniani al Senato a un cambiamento del Porcellum con una legge che preveda il doppio turno di coalizione. In questo modo, il Cavaliere resterebbe dentro il “sistema” rimanendo a capo della “sua” Forza Italia, con Alfano alla testa del Pp italiano e Casini a fargli da ideale spalla centrista. Ma per far questo ci vuole tempo e, dunque, bisogna evitare come la peste tutte quelle possibili scosse derivanti dall’umor nero di Berlusconi, sempre pronto a staccare la spina al governo per votare a marzo. Di qui la decisione di rinviare il più possibile – forse fino alla sentenza della Cassazione sull’interdizione – il voto sulla decadenza. Complice anche una parte del Pd che non vuole dare una mano a Renzi con un voto anticipato. E Pietro Grasso è di sicuro un loro esponente di primo piano.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il ottobre 20, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. E Mauro sarebbe un cattoico? Ma per favore !!!!!!!!!!!!!!!!………………..è un losco opportunista legato al potere . Gesù li ha chiamati farisei e io aggiungerei sciagura per il paese!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Non è il solo fariseo è in buona compagnia, vedi quel famoso Casini, opportunista per eccellenza. Ma non mi meraviglio più di tanto, è sempre un vecchio democristiano. Sono personaggi che gli italiani intelligenti dovrebbero mandare al macero, invece continuano a tenerseli. Sono dei ladri,dei delinquenti e come tali fare una nave e spedirli in alto mare e buttarli in pasto ai pescecani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: