L’olio made in Italy ormai lo fanno i cinesi

corel
Fatto Quotidiano del 7/10/2013 di Thomas Mackinson attualità
Milano Lo scaffale del supermercato è un trionfo di an- tichi frantoi e colline toscane. Ma spesso è sem- plicemente un falso. Perché da anni l’olio italiano non si fa quasi più, lo si fabbrica. Lo abbiamo regalato ai signori del falso made in Italy che han fatto man bassa di marchi nazionali. Da allora ci è toccato comprarlo da loro e mandarlo giù, anche se del buon extravergine che era sulle nostre tavole è un ricordo annacquato di miscele industriali spagnole, tunisine e greche smerciate come prodotto italiano. Ora potremmo fermare i predoni stranieri dell’oro verde, riprenderci un pezzo di quella tradizione che rischia invece di finire ancora più lontano, nelle mani di concorrenti cinesi pronti a spremere il buon nome del made in Italy. PERSA la moda, la chimica, l’industria dolciaria, la nautica il copione si ripete oggi sulla filiera agroalimentare dell’olio d’oliva che proprio in queste settimane si rimette in moto per la campagna 2013-2014. Comunque andrà la raccolta – stimata al rialzo del 10% con una produzione superiore a 5 milioni di quintali – il prezzo al chilo lo farà sempre Madrid. Perché l’Italia è il primo rivenditore al mondo, ma il primo produttore è la Spagna. Un paradosso che nasce con lo shopping di storici marchi nazionali acquistati dalla grande industria olearia senza che nessuno alzasse un dito per tutelare un settore che vale due miliardi e impiega manodopera per 50 milioni di ore lavorative. È accaduto venti anni fa, nel 1993, con l’operazione Cirio – De Rica-Bertolli a favore della mul- tinazionale Unilever, sta accadendo oggi con il gigante ibe- rico Deoleo–1,5 miliardi di fatturato, un quinto del mercato globale dell’olio d’oliva – che cinque anni fa ha acquistato tre grandi marchi nazionali. Da al- lora in Italia l’extravergine non si fa più, si fabbrica e si trasfor- ma. E tutto è cambiato. Le grandi industrie avevano intravisto la possibilità di “vestire” di italian sounding miscele comunitarie che un frantoio tradizionale non l’hanno mai visto e di farle arrivare sugli scaffali del mondo a prezzi im- battibili, con etichette italiane. La materia prima è coltivata su larga scala in Tunisia, Grecia, Marocco e Spagna secondo modelli intensivi. Le olive non vengono avviate immediata- mente alla spremitura ma sono stoccate e poi sottoposte a processi industriali di miscelazione, addizione correttiva e deodorazione. Viaggiano poi per nave e per terra e infine arri- vano negli stabilimenti italiani per le ultime lavorazioni, im- bottigliamento, etichettatura. Le miscele comprate a 25-50 ce n te s i m i al chilo arrivano così sugli scaffali a 2-3 euro, col ri- sultato che il consumatore por- ta in tavola un olio-low cost, commestibile ma di modesta qualità, pensando d’aver fatto un buon affare. NULLA DI ILLEGALE, visto che la normativa europea ha asse- condato le istanze dei grandi dell’olio consentendo la com- mercializzazione con marchi nazionali ancorché frutto di produzioni di origine comuni- taria, purché indicata in eti- chetta. Certo, basta poi andare in qualunque supermercato per riscontrare la difficoltà di leggerla. In ogni caso per i pri- mi anni le cose sono andate be- none: anzi, grazie al network di Deoleo i marchi nazionali Ber- tolli, Dante, Carapelli si sono spinti in 50 Paesi e sono pene- trati nei mercati emergenti. Nel frattempo, però, la posizione dominante dell’industria olea- ria straniera ha costretto la fi- liera corta delle 6mila produ – zioni agricole nazionali nel re- cinto delle denominazioni geo- grafiche protette, percepite co- me costose dal consumatore in un confronto impari tra oli al- trettanto “italiani” ed “extra – vergini”. Ora qualcosa nel siste- ma si è inceppato. E forse po- trebbe sollecitare una riflessio- ne pubblica sulla politica agri- cola italiana, proprio a partire dall’olio. Il più grande tra i giganti, ap- punto Deoleo, è in ginocchio e rischia di trascinare a terra i gioielli dell’olio italiano che ha messo in pancia. Nell’ultimo anno l’aumento del prezzo del- la materia prima (+30%) e la crisi dei consumi (-10%) hanno i ridotto i margini di un mo- dello industriale basato sulla quantità. Le banche che a suo tempo salvarono il gruppo hanno deciso oggi di sfilarsi, se- gno che quel modello non è più ritenuto profittevole. La con- troprova arriva anche dal prez- zo: il 35% di Deoleo potrebbe essere ceduto tra i 210 ai 280 milioni di euro, poco più di un terzo di quanto sborsò cinque anni fa per il solo marchio Bertolli. Insomma, l’Eldorado dell’olio industriale è arrivato a un punto di non ritorno? “Chi pensava di spremere al- l’infinito il credito cumulato dall’Italia nella vendita di immagine di prodotti di qualità e di cultura del buon cibo è costretto a ricredersi. Il made in Italy non è una risorsa inesauribile”, spiega Coldiretti esprimendo preoccupazione per il destino dei tre marchi in vendita che potrebbero finire in mani cinesi, le uniche a contare su un portafoglio largo e ad aver investito massicciamente in colture d’olivi in nord Africa. Eppure anche su questa vicen- da la politica non c’è, nonostante lo Stato sia chiamato a raccogliere i cocci sostenendo la cassa integrazione per i primi 55 addetti, su 285, negli stabi- limenti di Tavarnelle (Firenze) e Inveruno (Milano).

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il ottobre 8, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: