Slot Machine, il governo risolve i problemi di Corallo CON IL CONDONO SULLE MULTE IL RE DELL’AZZARDO POTRÀ VENDERE LA SUA SOCIETÀ

corel
Fatto Quotidiano 31/08/2013 Marco Lillo e Valeria Pacelli attualità
Francesco Corallo, dopo 14 mesi di latitanza e una condan- na della sua società davanti alla Corte dei Conti, po- trebbe lasciare la scena italiana con 200 milioni di euro in tasca. É questo l’epilogo più probabile della partita nella quale si inseriscono il condono per le penali miliardarie previsto dal decreto Imu del governo Letta e le trat- tative per la cessione della società leader nel settore delle slot machine in Italia. FRANCESCO CORALLO è il figlio di Gaetano Corallo, (un amico del boss mafioso Nitto Santapaola, condannato negli anni ottanta per associazione a delinquere nel processo per la scalata dei catanesi ai casinò del nord Italia) ma sostiene di non avere nulla a che fare con il padre da decenni. Tor- nato in Italia nel 2004, Corallo Jr ha messo in piedi la principale concessionaria italiana del settore slot. E ora – grazie al condono di Letta – potrebbe venderla. Le due offerte per Bplus, la prima di 420 milioni di euro della multinazionale spagnola Codere e l’altra –circa 500 milioni – del fondo inglese Eaton Gate, erano ostacolate dal contenzioso miliardario che ve- de contrapposta Bplus e altre 9 concessionarie del gioco, alla Corte dei Conti. Il condono che prevede la possibilità di sanare le penali per i disservizi del 2004-2007 con il 25 per cento del dovuto potrebbe sbloccare la partita: lo Stato incasserebbe 211milioni dieuroutili perco- prire l’intervento sull’Imu, l’ac – quirente (Codere?) entrerebbe nel mercato più redditizio d’Eu – ropa dalla porta principale pa- gando poco più di 250 milioni (la differenza tra la valutazione dellasocietà ele penaliscontate da pagare). E Francesco Corallo potrebbe tornare ai suoi casinò delle Antille con 200 milioni in tasca, anche se sarebbe costretto ad abbandonare la sua gallina dalle uova d’oro in mano ai con- correntipiù graditialleautorità italiane. Ma solo dopo avere ri- solto i suoi problemi con la giu- stizia milanese che lo tiene agli arresti domiciliari per il caso dei prestiti facili della Bpm. Secondo l’accusa, Bpm avrebbe elar- gito un prestito di 148 milioni di euro alla Atlantis, in cambio, ci sarebbe stata una presunta maz- zetta da oltre un milione di euro girata all’ex presidente Bpm Massimo Ponzellini oltre chela promessa, da dimostrare, di 3,5 milioni di sterline. Nei confron- ti di Corallo inoltre la Procura aveva contestato anche il reato di corruzione che tuttavia è de- caduto perchè la Bpm ha ritirato la querela. Il 4 agosto Corallo è tornato in Italia dopo 14 mesi di latitanza. Era scappato a Santo Domingo dopo che la Procura di Milano aveva emesso nei suoi confronti un’ordinanza di cu- stodia cautelare per associazio- ne a delinquere. LA PREFETTURA di Roma, il 26 luglio, ha sospeso temporaneamente la validità dell’informativa antimafia interdittiva del 24 settembre 2012, che aveva causato l’esclusione di Bplus dalla gara per le concessioni. Lo Stato non può fare a meno degli 800 milioni di euro di imposte versate ogni anno grazie alle mac- chinette diBplus e quindisi era trovata una soluzione all’italiana: l’attribuzione del controllo a ‘Bplus Trust’, guidata dall’am – ministratore fiduciario, l’avvo – cato olandese Jeroen Veen, gra- dito alla proprietà. Entro il 15 novembre prossimo i giochi do- vrebbero essere fatti su entram- bi i tavoli: il condono e la ces- sione. Oltre a Bplus potrebbero sce- gliere di sanare la propria posi- zione altre grandi società con- cessionarie come Sisal Slot o Lottomatica mentre incontre- ranno maggiore difficoltà a pa- gare le penali, nonostante lo sconto dei tre quarti, quelle più piccole. Lo Stato spera di incas- sare 611 milioni di euro, anche se la contestazione iniziale del Gat della Guardia di Finanza alle società del settore era di tutt’altro ordine di grandezza, oltre 90 miliardi di euro. Eppure non è scontato che i concorrenti di Corallo siano in grado di pagare. Sisal Slot potrebbe sanare la propria posizione con una multa di 61, 2 milioni di euro. Un ammontare comunque pesante per una società che ha chiuso il bilancio 2012 con 823 milioni di euro di fatturato ma 40 milioni di perdite. La piccola Gamenet dovrebbe dare allo stato 58, 7 milioni di euro, un esborso piuttosto pesante. Avrebbero problemi anche società come HBG che deve 50 mi- lioni o la Snai che dovrebbe pagare 52 milioni di euro. E se al Tesoro non arriverà il gettito sperato dalla sanatoria, per il governo Letta sarà un grosso problema

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il settembre 1, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. a parte l’ennesima presa per il culo da parte dei soloni di roma verso i cittadini onesti, una domanda mi sorge spontanea…… C’è qualche politico (o parente di) che ha interessi o partecipazioni in società che gestiscono o sono collegate al gioco d’azzardo?…

    • Quel che posso rispondere e che la politica ha sicuramente avuto come in questo articolo al gioco d’azzardo e viceversa, alcuni giornali Nazionali avevano documentato che i rimborsi elettorali venivano usati dagli stessi partiti per costuire delle società per lo più private a scopo di lucro, poi nello specifico non so se qualche politico sia proprieatario o azionista di Società per il gioco d’azzardo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: