BASILICATA, INCUBO NUCLEARE LE BARRE SPOSTATE DI NOTTE DAL CENTRO ITREC DI ROTONDELLA È USCITO UN CAMION COL SIMBOLO CHE AVVERTIVA DEL PERICOLO RADIOATTIVO DIRETTO A GIOIA DEL COLLE

corelFatto Quotidiano 30/07/2013 Enrico Fierro attualità
Ritorna l’incubo nucleare in Basilicata. Nella notte tra domenica e lunedì, intorno alle 3 del mattino, dal centro Itrec di Rotondella è uscito un tir con le insegne che evidenziano il trasporto di materiale radioattivo, superscortato da 300 agenti tra carabinieri, poliziotti e fiamme gialle. Un convoglio lunghissimo che ha bloccato per ore la statale 106 formato anche da mezzi dei vigili del fuoco. La destina- zione, secondo voci e testimonianze raccolte sul posto, sarebbe stata quella dell’aeropor- to di Gioia del Colle, in Puglia. Di cosa si tratti è difficile saperlo. Ma nella regione che da anni ospita depositi di materiale nucleare, l’attenzione e la vi- gilanza su questi temi è altissima. Nel novembre del 2003 tutta la Basilicata si mobilitò per giorni contro l’ipotesi di trasformare le miniere di salgemma di Scanzano Jonico in una sorta di “tomba” naturale per 800mila metri cubi di sco- rie radioattive. Blocchi stradali e proteste che si conclusero con una manifestazione da Policoro a Scanzano con oltre cento- mila persone. Cosa trasportava quel tir superblindato, e perché la destinazione era l’aeroporto militare di Gioia del Colle? Sono le domande poste al gover- no e ai ministri responsabili che non hanno ancora trovato risposte. L’allarme resta e diventa, se possibile, ancora più forte. Perché nel centro Itrec della Sogin, all’interno del cen- tro di ricerca Enea di Rotondella, sono contenuti materiali radioattivi di II e III categoria. LA TERZA CATEGORIA è il livello più pericoloso da gestire sia per lo stoccaggio, sia in caso di contaminazione per fuoriuscita di materiale radioattivo ed è riferito alla presenza delle 84 barre di uranio-torio che negli anni tra il 1969 e il 1971, in virtù di un accordo mai ratificato dal Parlamento italiano, giunsero dagli Stati Uniti d’America. Le barre provenivano dalla centrale Elk River, nel Minnesota, con un contratto di lavorazione per il riprocessamento, il recu- pero, del combustibile. Venti di queste barre furono realmente riprocessate, mentre le restanti 64 sono contenute in una pisci- na all’interno dell’Itrec e raf- freddate con acqua. “I ministri della Difesa e dell’Interno –dice il portavoce al Senato del Movimento Cinquestelle, Vito Petrocelli –devono dare rispo- ste immediate al territorio e ai cittadini e non ci sarà segreto militare che tenga perché la gente ha il diritto di sapere cosa accade nel luogo dove vive, per esercitare il diritto all’essere in- formati, ma anche per potersi regolare e difendere di conseguenza. Ai ministri chiedere- mo anche cosa è stato spostato da Rotondella e dove e come è stato trasferito, perché se sono state spostate le barre di Elk Ri- ver devono aver obbligatoria- mente usato i cask, contenitori specifici per materiale di terza categoria. E chiederemo, se sono state spostate in tutta fretta le barre di Elk River, che queste non tornino più in Basilicata”. ANCHE il Presidente della Regione Basilicata, Vito De Filip- po, si dice allarmato: “Il senso dello Stato – commenta De Filippo – mi spinge a credere che se le notizie dovessero trovare effettivo compimento il mini- stero dell’Interno e della Difesa avranno avuto i loro buoni motivi per agire e chie- diamo che ce le spieghino in tempi rapi- dissimi”. Insi- ste il senatore cinquestelle Vito Petrocel- li. “Qualunque cosa sia stata spostata dal centro Itrec di Rotondella, il Ministero dell’Interno, il Ministero della Difesa e i tecnici della Sogin, la SpA pubblica che gestisce il nu- cleare in Italia, hanno dimo- strato approssimazione dilet- tantistica da far paura, data la pericolosità di queste sostanze radioattive”. Ma la domanda più inquietante riguarda la de- stinazione, l’aeroporto di Gioia del Colle. Qui, si chiede Petro- celli “gli americani hanno forse un sito di stoccaggio di sostan- ze nucleari? Oppure i due mi- nistri della difesa e degli interni hanno superficialmente auto- rizzato un viaggio in aereo di materiale altamente radioatti- vo, col rischio in caso di incidente, di una catastrofe senza precedenti? Ci aspettiamo risposte rapide e concrete, sempre che anche questa storia non sia stata attuata tutta all’insaputa dell’ignaro ministro Alfa- no”.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il luglio 31, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: