Il Giro di Arcore (Marco Travaglio).

foto-marco-travaglio-servizio-pubblico-150x150Da Il Fatto Quotidiano del 09/06/2013 Marco Travaglio.

Ci vorrebbe la buonanima di Adriano De Zan per raccontare col dovuto trasporto emotivo la gara in corso al Corriere per aggiudicarsi l’eredità dell’avvocato Ghedini, ormai appesantito e prossimo al ritiro dalle corse. In lizza ci sono le migliori lingue di Via Solferino, che si contendono la maglia azzurra in una corsa senza esclusione di colpi. L’ambìto trofeo pareva ormai appannaggio di Pigi Battista che, eccellente scalatore, aveva staccato il gruppone sullo Stelvio dei processi Ruby-1 e Ruby-2, contestando le requisitorie dei pm (in un processo per prostituzione si permettono financo di parlare di prostituzione) e conquistando il gran premio della montagna. Ma ecco, alla prima discesa, rimontare dalle retrovie un passista d’eccezione: Piero Ostellino. Che, profittando di una giornata di riposo del Battista e di un attimo di distrazione di De Bortoli, ha guadagnato varie posizioni piazzando addirittura due pezzi in un sol giorno. Pag. 60: “Quel giudizio espresso in tribunale che diventa accisa ideologica”. Pagina 61: “Maggiore controllo sulle libertà violate”. Il secondo, a causa dello sforzo profuso per il primo, è venuto così così: la solita difesa degli evasori italiani, minacciati dal noto “abuso della verifica fiscale”, insomma da uno “Stato di polizia” che “manco il fascismo”, diciamo pure da “forme più o meno occulte di totalitarismo” nel silenzio della stampa notoriamente dominata dai “manettari”. Molto meglio il primo, dedicato alle motivazioni della sentenza di condanna in appello per Paolo e Silvio B. per concorso in violazione del segreto, cioè per aver ricevuto la famosa intercettazione rubata tra Fassino-Consorte sul caso Unipol e averla fatta pubblicare dal loro Giornale in campagna elettorale sputtanando l’avversario politico. L’Ostellino in fuga giura di averle lette: visto il risultato, faceva meglio a evitare. Premessa: “Non intendo schierarmi fra innocentisti o colpevolisti”. Ma poi non riesce a tenersi e gli scappa: “pur di condannare Berlusconi si arriva a inventarsi un’accusa ideologica”. Cioè si schiera con gli innocentisti. Ma ciò che lo angustia, mentre l’auto civetta gli passa la borraccia, è “lo stato di salute”: non il suo, piuttosto cagionevole, ma “della giustizia in punta di logica e, se vogliamo, di filosofia del diritto”. Ecco: se vogliamo, lui è convinto che le sentenze debbano “aderire al senso comune”. E questa, perbacco, non aderisce. Almeno per chi, come lui, non ha la più pallida idea di cosa tratti.

L’accusa, confermata da gup, Tribunale e Corte d’appello, riguarda il furto della famosa bobina da parte di un funzionario della ditta privata che la incise, violando il segreto apposto dai pm che nemmeno la trascrissero perché era priva di rilevanza penale. Pubblicandola –scrivono i giudici- B. compì un’“efficace operazione mediatica”, dimostrando agli ignari lettori Ds “la capacità della sinistra di fare affari e mettersi a tavolino coi poteri forti”. È il movente del reato di violazione del segreto. E i giudici, com’è naturale, lo spiegano. Ma Ostellino è convinto che il reato sia la diffamazione a Fassino. Dunque si domanda perché mai i giudici abbiano scritto quella “sentenza surreale”, degna “dell’Inquisizione”, con un’“accusa ideologica” che “si concreta nei confronti di chiunque riveli le balle di chi le conta più grosse. E si chiede perché non abbiano condannato anche lui quando “dall’Urss scrivevo che il comunismo realizzato non era il ‘paradiso terrestre’ preconizzato da Marx, ma un inferno… diffamando oltre all’Urss anche il Pci”. La risposta sarebbe semplice: perché Ostellino non pubblicò intercettazioni segretate e rubate. Ma anche inutile: lui non sa nulla dei processi di cui scrive, ergo non capirebbe. In compenso sta insidiando la vittoria a Battista nel Giro di Arcore che si disputa nei corridoi di via Solferino. È il rush finale, siamo in dirittura d’arrivo. Dài Pigi, forza Piero, un ultimo sforzo, srotolate il vostro muscolo più sviluppato verso il traguardo! Pare proprio di vederle, le due superlingue protése sul filo di lana. Ci vorrà il fotofinish.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il giugno 9, 2013, in attualità, Marco Travaglio, Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: