EVASIONE DI LUSSO: “BULGARI HA NASCOSTOTRE MILIARDI AL FISCO” TRE MILIARDI AL FISCO” 46 MILIONI. SIGILLI AL PALAZZO DI VIA CONDOTTI A ROMA INDAGATI PAOLO, NICOLA E ALTRI DUE MANAGER

corel
Fatto Quotidiano 15/03/2013 Marco Franchi ATTUALITà

Evasione di lusso per Bulgari: tre miliardi sottratti al fisco dal 2006 al 2011. È questa l’accusa alla base del blitz della Guardia di Finanza di Roma che ha sequestrato beni immobili e di- sponibilità finanziarie per oltre 46 milioni di euro ai fratelli Paolo e Nicola Bulgari, indagati con altri due esponenti di spicco della società di gioielli per una presunta frode ai danni del fisco italiano cominciata sette anni fa e proseguita almeno fino al 31 dicembre 2011. OLTRE agli ex azionisti di maggio- ranza della griffe comprata nel 2011 dal gruppo Lvmh (che controlla anche il marchio Louis Vuitton) , i sequestri hanno infatti ri- guardato anche l’ex amministratore delegato Francesco Trapani che dopo la vendita ai francesi è diventato capo della divisione gioielli e orologi della multinazionale del lusso, e infine Maurizio Valentini, attuale rappresentante legale della filiale italiana. “Per tutti l’accusa è di dichiarazio- ne fraudolenta mediante altri ar- tifici, per aver sottratto al fisco italiano, dal 2006 in avanti, circa tre miliardi di euro di ricavi, attraverso l’interposizione di società con sede in Olanda e Irlanda, create al solo scopo di sfuggire all’imposi- zione fiscale in Italia”, si legge nella nota delle Fiamme Gialle. Tra i beni colpiti dal provvedimento di se- questro preventivo emesso dal gip del Tribunale di Roma Vilma Passamonti su richiesta del pool di magistrati coordinati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani figurano, oltre a rapporti bancari, assicurazioni sulla vita e partecipazioni societarie, anche numerosi immobili come quelli in via dei Condotti 9 e 11 a Roma, ma non il negozio. Le indagini, scattate dopo una sErie di verifiche fiscali del Nucleo Polizia tributaria di Roma, hanno portato alla luce una vera e propria Escape strategy – così definita dagli stessi dirigenti del gruppo in un documento di nove fogli rinvenu- to dalle Fiamme Gialle – per fuggire dal sistema di imposizione italiano e, in particolare, dalla più stringente normativa introdotta, a partire dall’1 gennaio 2006, con ri- ferimento alla tassazione dei divi- dendi provenienti da Paesi a fiscalità privilegiata. Una sorta di no- madismo fiscale che consente di far figurare i margini mondiali di guadagno in Stati diversi dall’Italia e, in particolare, prima in Svizzera, poi in Olanda ed infine in Irlanda, vista come “meta finale” della pianificazione fiscale del gruppo. Ad attirare l’attenzione degli investigatori è stata infatti la costi- tuzione nel 2006 della Bulgari Ireland Ltd (Beire), che avrebbe avuto “la finalità di far ap- parire falsamente come maturato in Irlanda il reddito derivante dal- l’attività”, sottoponendolo alla tassazione del 12,5% inferiore a quel- la italiana. “In questo modo Bulgari ha omesso di dichiarare ai fini Ires in Italia ricavi per quasi tre miliardi di euro nel periodo 2006-2011, nonché una base imponibile Irap di oltre un miliardo e novecento milioni di euro”, scri- vono i finanzieri. “I dividendi sottratti indebitamente a tassazione nello stesso periodo – conclude il comunicato – ammontano invece ad oltre 293 milioni di euro, cui corrisponde un’imposta evasa in Italia da parte della capogruppo Bulgari di oltre 46 milioni di euro”. Dal canto suo, la società si è detta “estremamente sorpresa dalle con- siderazioni formulate in detto provvedimento” e si difende pre- cisando che “le società straniere oggetto di indagine sono imprese reali ed effettive, che ricoprono u incontestabile ruolo strategico per il gruppo, con circa 300 dipenden- ti di diverso profilo”. Bulgari intraprenderà “tutte le azioni neces- sarie a chiarire la sua posizione” e richiederà spiegazioni in merito all’uscita della notizia sugli organi di stampa prima ancora che la notifica fosse fatta agli interessati. IN REALTÀ delle grane di Bulgari col fisco si sapeva già da qualche mese: sulla base delle verifiche fiscali delle fiamme gialle, a dicem- bre la procura di Roma aveva aper- to un fascicolo ipotizzando i reati di dichiarazione infedele e omessa presentazione della dichiarazione, previsti dal testo unico sui reati tri- butari. Il sospetto era che al fisco italiano fossero stati sottratti circa 70 milioni di imposte non versate. Le verifiche della finanza sono durate praticamente tutto dicembre e si sono concluse con una relazione consegnata al procuratore aggiunto Laviani giusto poco prima di Natale. Iscritti i reati, sono scattati i sequestri

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il marzo 15, 2013, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: