Monti si piega all’Ilva Ferrante attacca i giudici DAL VERTICE VIA LIBERA AL DECRETO “SALVA – AZIENDA”CHE SARÀ VARATO OGGI. IN STRADA LA RABBIA DEGLI OPERAI


Fatto Quotidiano 30/11/2012 di Salvatore Cannavò attualità
Q uello che andrà in scena oggi, con la decisione del Con- siglio dei ministri di varare il decreto “salva-Il- va”, è una manovra di accer- chiamento della magistratura tarantina all’insegna dell’unità nazionale. Nonostante il pre- sidente del Consiglio abbia as- sicurato di “non volere lo scon- tro con la magistratura”, a dare il senso di quello che sta per accadere sono stati, ancora una volta, il presidente dell’Ilva, Bruno Ferrante, e il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini. IL PRIMO ha sfoderato, dopo mesi di aplomb istituzionale, il volto determinato dell’azienda sparando a zero contro i giu- dici. “L’autorità giudiziaria ha alterato le regole” ha detto l’ex prefetto di Milano – che ha an- che ricevuto un dura repri- menda da parte del Corriere del- la Sera – capovolgendo quella che ai più sembra un’altra ve- rità: è l’Ilva che viola le regole mentre la magistratura inter- viene per far rispettare le leggi. A quanto pare non è così e, se- condo il presidente dell’azien- da siderurgica, sarebbero i giu- dici a provocare “gravi riper- cussioni sull’occupazione”tan – to che ieri è stata annunciata la possibile chiusura dello stabi- limento di Genova. Giù in stra- da, sotto Montecitorio, mentre a Palazzo Chigi il governo, con Monti, Fornero, Clini e Passe- ra, incontrava l’azienda, i sin- dacati al massimo livello, la Confindustria con il presidente Squinzi, a manifestare c’erano proprio gli operai genovesi, zuppi di pioggia e di rabbia. “Assassini”e“parassiti”, le urla preferite per chi ha ormai chia- ro il gioco che si sta giocando: “Non ce l’abbiamo con gli agenti (in tenuta anti-sommos- sa, ndr) ma siamo qui per farci sentire”. Del decreto pensano che sia inutile perché in due an- ni è impossibile bonficare l’a- zienda, oppure che costituisca un regalo all’azienda: “Qui ci vuole un decreto non per sal- vare l’Ilva ma Taranto” hanno spiegato. A Genova ai loro compagni è andata peggio per- ché dopo gli scontri con la po- lizia uno di loro è rimasto fe- rito. L’azienda, però, è sembrata ca- valcare questa rabbia avanzan- do la minaccia della chiusura dello stabilimento tarantino e, a cascata di tutti gli altri: Ge- nova, Racconigi, Novi Ligure. ED È QUI che interviene il mi- nistro Clini, che ha spiegato la sostanza dell’operazione. Il de- creto, infatti, non solo assume- rà l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia), già varata a ottobre, come punto di riferi- mento obbligato facendone il centro della norma di legge ma istituirà un “comitato di garan- zia” con compiti di “monito – raggio e sorveglianza”in modo da avere una “funzione di con- trollo più strutturata”. In altre parole, il Tribunale di Taranto viene definitivamente escluso da funzioni di controllo che passano esclusivamente al mi- nister con l’istituzione del clas- sico “osservatorio”. Un esca- motage tipico della politica ita- liana quando deve cercare di conciliare interessi contrappo- sti. “Chi vuole può ricorrere al- la Corte costituzionale” ha quindi affermato Clini acuen- do, ancora una volta, la distan- za con la magistratura taranti- na. CO M P L I C E anche il tornado dell’altro ieri, il vertice ha as- sunto quindi i connotati di un tavolo di unità nazionale. Anzi, come ha detto Monti, si è trat- tato di una “vera prova per il Paese”. Il presidente del Con- siglio ha assicurato di aver “sentito il dolore della città”, dopo la tempesta dell’altro giorno e , con queste premesse, l’assenso delle parti sociali al decreto è apparso piuttosto scontato. Entusiasta quello del presidente della Confindustria, Giorgio Squinzi, secondo il quale la chiusura dell’Ilva avrebbe “gravi ripercussioni sul tessuto industriale naziona- le”. Convinto anche quello di Cisl e Uil che, con Bonani e An- geletti, parlano di “emergenza nazionale” e della necessità di un “commissario nazionale”. Più cauta invece la Cgil che con Susanna Camusso ha chiesto una maggiore “responsabilità pubblica”e, con Maurizio Lan- dini, la garanzia di un piano di interventi pubblici in grado di assicurare la bonifica degli im- pianti. “Però io il decreto come sarà fatto non l’ho capito” ha dichiarato il segretario Fiom.

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il novembre 30, 2012, in attualità, Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: