Referendum acqua pubblica continua la battaglia attraverso La campagna di Obbedienza Civile(situazione di Torino)


Redazione
dopo la vittoria dei si nel referendum del 12 giugno pubblicizzazione dell’ ‘acqua di fatto devono essere abrogate le norme concernenti alle due richieste referendarie, e dell’abrogazione del diritto alla remunerazione delle società in compartecipazione o di quelle private che prestano il servizio idrico
Ma al di là di quello è prima di tutto un importante sottolineare il rispetto del voto e della volontà del cittadino che in questi ultimi mesi è stata sovertita da modifiche di legge e altre azioni in alcune zone e in altre si aspettano tutt’ora le decisioni dei comuni.
Tutto questo e decisamente più importante rispetto al solo discorso dall’aumento della bolletta
Dai calcoli fatti dal comitato referendario riguardante la zona di Torino l’aumento inciderebbe mediamente di circa del 15% che risulta una percentuale abbastanza incisiva sul costo dell’acqua e influente economia domestica e imprenditoriale di quella zona.
La campagna di obbedienza civile richiede di sapere con esattezza il costo del diritto di remunerazione e che questo non venga versato ai rispettivi comuni.
Ricordo che ci sono stati dei precedenti riguardo a volontà referendarie non rispettate, una è quella del 1993 riguardante L’abrogazione al finanziamento pubblico dei partiti in cui i cittaddini avevano espresso attravero il si la fine di quei finanziamenti, e anche in quel caso attraveso un escamotage il parlamento a pochi mesi di distanza aveva ripristinato questa forma contributiva chiamandola appunto contribuzione ai partiti e quindi non era stata rispettattata la volontà popolare.
metto il link
la macchina mangia soldi-dei rimborsi elettorali
Attraverso la campagna di obbedienza civile si vuole che siarispettato il voto degli Italiani del 12 giugno, che ricordo e l'unico caso in cui il cittadino decide in modo diretto sulle leggi.
Intanto continua la battaglia in molte zone Italiane.
nel caso del Comitato Torinese stato fatto un ricorso al tar contro le decisione prese dal comune di privatizzazione dell’acqua e di altri servizi.
preso da http://www.acquapubblicatorino.org
Il popolo italiano ha votato a favore dei referendum sull’acqua ma i governi ed i gestori non stanno applicando il volere popolare. Abbiamo diffidato gli organi competenti a tutti i livelli, abbiamo inviato esposti alle procure ma non è stato sufficiente. Stiamo studiando altre azioni legali che però, purtroppo, daranno il loro risultato tra diversi anni.
Adesso è il nostro momento di applicare la legge.
Come? Pagando la giusta bolletta, secondo quanto dice la legge. Dal 21 luglio 2011, solo due voci devono concorrere alla bolletta: i costi operativi e l’ammortamento degli investimenti. Invece, oltre a questo, continuiamo a pagare la remunerazione del capitale investito, contro cui ha votato la maggioranza degli italiani. A Torino e in provincia questa componente incide, arrotondando per difetto, per il 15% della bolletta! La Campagna di Obbedienza Civile è partita in tutta Italia, e consiste nell’inviare un reclamo al gestore e nel pagare solo la giusta tariffa. Ci sarà un risparmio economico ma il valore della campagna è soprattutto:
l’acqua non è una merce ed il voto del popolo va rispettato.
La situazione attuale in Italia In tutta Italia c’è aria di Obbedienza Civile!

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il febbraio 8, 2012, in ambiente, attualità, Biella, economia, equitalia, Piemonte, politica, Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: