La guerra in Afghanistan un azione di pace o un grande businnes?


redazione
Le guerre spesso vengono presentate dai media cercando dandone un ottica positiva, in realtà c’è qualcuno che ci marcia.
In partenza l’azione in Afhaghanistan era contro uno sceicco(Binladen) e ed il suo gruppo che si era rifugiato nelle zone afghane, attualmente i Talebani rishiano di avere i favori del Medio Oriente il che rischia di allungare i tempi della guerra.
articolo preso da un articolo dal sito don Giorgio.it
La guerra italiana in Afghanistan (è vergognoso che i politici ce la presentino come una missione di pace; missione di pace è quella della Croce Rossa, o di Emergency, che non hanno certo al seguito carri armati, blindati, mitragliatrici, bombe e tutto il resto) è assolutamente immorale, perché l’unica guerra che si può giustificare da un punto di vista morale e cristiano, è una guerra di difesa: in caso di invasione di un altra nazione, come è stato per la Germania nell’ultima guerra, è lecito difendersi anche con le armi: è stato doveroso difendersi come hanno fatto i partigiani e tanti altri; questo è il senso indistruttibile della Resistenza al di là di tutti i revisionismi di oggi. Un intervento armato può essere giustificabile anche in caso di popolazioni di una stessa nazione che si ammazzino a vicenda, come è spesso successo in Africa, ma allora è solo l’ONU che può intervenire, cioè un’autorità politica al di sopra delle parti che interviene per evitare strage di innocenti. In Afghanistan è intervenuta la NATO, che non è certo al di sopra delle parti e non certo è intervenuta per evitare una strage della popolazione: al contrario la NATO è responsabile delle migliaia di vittime, la maggior parte innocente, dell’attuale guerra in Afgha-nistan. Non si tiri fuori la giustificazione del terrorismo: il terrorismo si combatte in modo mirato, non compiendo delle stragi tra la popolazione innocente: sarebbe come dire: in Sicilia c’è la mafia, bombardiamo la Sicilia!
Il numero delle vittime in Afghanistan è noto: 24 soldati italiani uccisi, 1.500 degli altri contingenti, 50.000 vittime afghane circa, di cui i due terzi civili, e non è finita. Vale la pena da parte dell’Italia sostenere ancora questa guerra? E’ inutile che i politici si arrampichino sui vetri per trovare giustificazioni senza logica: la guerra in Afghanistan è profondamente ingiusta e immorale.
Ma non è finita: questa guerra è un grande businnes anche per l’Italia: il finanziamento di essa per il primo semestre di quest’anno è stato approvato in febbraio, come riferisce Il Fatto, con soldi pescati dallo scudo fiscale: 308 milioni di euro per pagare 3.300 soldati italiani con 750 mezzi terrestri, 35 velivoli, armi, munizioni e tutto il necessario per questa guerra italiana. Sono solo i costi diretti di questa guerra, costi che non tengono conto del miliardo di euro che il Ministero dello Sviluppo Economico dà alla Difesa per l’acquisto di mezzi avanzati, come gli aerei senza pilota Predator, o i nuovi blindati VBN Freccia (prodotti da Iveco-Fiat e Oto Melara), che dovrebbero proteggere i soldati italiani in Afghanistan meglio dei Lince su cui hanno perso la loro vita gli ultimi due militari italiani (e poi in Italia non ci sono i soldi per le scuole, per i giovani senza lavoro, per la ricerca, per le famiglie che non arrivano alla fine del mese, ecc.). Ancora: nel 2009 l’industria bellica italiana ha esportato armamenti per 4,9 miliardi di euro, con un incremento record del 61% rispetto all’anno precedente. È soprattutto la guerra in Afghanistan che mette in moto tutto questo businnes; per fare un esempio: nell’aprile scorso, come riferisce sempre Il Fatto, Alenia Aereonautica (Finmeccanica) ha consegnato a Bucarest i primi due di sette aerei da trasporto tattico C-27J Spartan che andranno a trasportare truppe e mezzi rumeni in Afghanistan. Ogni Spartan costa circa 40 milioni di euro, e l’Italia vende questo aereo a mezzo mondo: Grecia, Bulgaria, Slovacchia, Marocco, Stati Uniti, Lituania: è un velivolo che va per la maggiore in Afghanistan, perché riesce ad atterrare anche su piste sterrate e impervie e quindi può trasportare in prima linea soldati e materiale bellico. Diciotto esemplari del modello precedente, il G-222, sono stati aggiornati e venduti agli Stati Uniti che li hanno a loro volta girati alla aereonautica afghana.
Mai nessuno denuncia questo businnes della guerra in Afghanistan: solo lei, don Giorgio, padre Zanotelli e pochi altri hanno avuto il coraggio di alzare la voce, da un punto di vista cristiano, su questo commercio di armi dell’Italia: le armi non portano certo sviluppo, non creano scuole o ospedali, non sfamano le popolazioni, ma producono solo morte e distruzioni, dove le vittime sono soprattutto donne, bambini, anziani, cioè civili innocenti. Perché i vescovi non denunciano queste cose? Perché anche il Papa tace su questo? Dov’è la dimensione profetica della Chiesa? Si preferisce la diplomazia, si preferisce tacere, si preferisce stringere la mano a Berlusconi e ai suoi leccapiedi. E se qualcuno osa denunciare queste cose, come lei don Giorgio, è un eretico, un anti-italiano, è uno che reca danno al prestigio italiano. Ma è questo il Vangelo radicale di Gesù? Non dobbiamo mettere la parola di Gesù prima di tutto come cristiani e come Chiesa? Se ritornasse Gesù Cristo starebbe zitto su queste questioni, lui che ha detto: Voi sapete che i governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono.

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il febbraio 5, 2012, in ambiente, Cronaca, economia, Piemonte, politica, Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: