EQUITALIA, HA RAGIONE GRILLO di Antonio Imposimato (magistrato)


Da Cadoinpiedi
redazione Fernando Imposimato è uno dei più famosi magistrati Italiani, l’azione di Cortina per ora non convice si sono scoperti molti falsi ricchi, ma i soldi dei ricchi evasori di solito non sono in Italia ma in territtori lontani tipo Hong Kong e Dubai dato che la Svizzera pare sempre meno affidabile
di Ferdinando Imposimato – 10 Gennaio 2012
Debolezza nei confronti dei grandi evasori e grande capacità di intervento nei confronti dei piccoli, questo è l’aspetto più grave. Se lo Stato riuscirà a recuperare dai grandi evasori le somme evase,
allora anche i ceti medio bassi saranno più disponibili a sopportare dei sacrifici. Le osservazioni di Grillo? Vanno rispettate
Dopo Cortina, Abano Terme. Il fisco non dà tregua agli evasori. E le polemiche non mancano. Nei giorni scorsi Beppe Grillo aveva scatenato fiumi di reazioni su Equitalia. Oggi abbiamo sentito Ferdinando Imposimato.
In riferimento agli attentati a sedi di Equitalia, Grillo sostiene che, oltre alla condanna del gesto, sia necessario capire le motivazioni. E’ stato demolito mediaticamente, ma gli Italiani, stando a un sondaggio di Sky Tg24, sono d’accordo con lui. Lei da che parte sta?
“Ritengo che le osservazioni di Grillo siano giuste, e che debbano essere rispettate perché, a mio avviso, il problema del comportamento vessatorio di Equitalia esiste. Mi sembra un ente che è forte con i deboli ed è debole con i forti, per cui penso sia necessario che Equitalia accetti le critiche. Chiaramente noi non siamo per i terroristi, siamo contro i terroristi anche perché abbiamo sempre lottato contro il terrorismo, però non si può negare sia a Grillo, che a me, che ad altri, il diritto di protestare. C’è stata debolezza nei confronti dei grandi evasori e grande capacità di intervento nei confronti dei piccoli evasori, questo è l’aspetto più grave rispetto al comportamento di Equitalia.
Quindi, fermo restando che deploriamo e condanniamo gli attentati, però dobbiamo riconoscere, ribadisco, che Equitalia si è comportata in maniera forte con i deboli e in maniera debole con i forti.”
Secondo Lei nel Paese sta nascendo un nuovo terrorismo fiscale, dallo Stato nei confronti dei cittadini e viceversa? Perché?

“Il terrorismo fiscale non deve esistere, devono esistere delle leggi che vanno fatte rispettare, soprattutto verso i grandi evasori fiscali che fino adesso purtroppo sono stati al riparo dagli interventi di Equitalia. In Italia ci sono 175 miliardi di evasione fiscale; di questi, la gran parte è responsabilità dei grandi evasori che solo da qualche giorno, grazie al governo Monti, si vedono minacciati dagli interventi di Equitalia a cui noi plaudiamo, mentre fino a poco tempo fa, fino a 2 mesi fa, Equitalia era forte soltanto nei confronti dei piccoli e medi evasori.
Parlare di terrorismo forse è un po’ esagerato, però questo comportamento eccessivamente fiscale nei confronti dei piccoli evasori e questa inerzia nei confronti dei grandi evasori, non può più continuare. Noi vogliamo il recupero delle somme evase, ma soprattutto a carico dei grandi evasori.”
I controlli ‘show’ dell’Agenzia delle Entrate a Cortina e in Liguria che valore hanno? Rischiano di soffiare sul fuoco?
“Sono sempre meglio che nulla. Certo, questi controlli non devono essere isolati, ma devono essere fatti a tappeto, anche nei luoghi in cui c’è un’esibizione di ricchezza, perché è giusto che i possessori di grandi capitali e patrimoni, come immobili, macchine lussuose o yatch, paghino il dovuto. Noi lamentiamo che questi interventi siano stati fatti con estremo ritardo, però confidiamo che Equitalia possa cercare di recuperare almeno il 70% di questi 175 miliardi di Euro che vengono evasi ogni anno.”
Cosa potrebbe scongiurare il rischio dell’acuirsi di tensioni sociali?
“Se lo Stato, attraverso Equitalia, riesce a recuperare dai grandi evasori le somme evase, allora anche i ceti medio bassi saranno più disponibili a sopportare dei sacrifici.
Se invece i sacrifici debbono essere sopportati soltanto dai lavoratori, dagli operai, dei pensionati e dai dipendenti che hanno uno stipendio limitato e non invece dai grandi evasori, questo fatto che provocherà una ribellione nei confronti dello Stato. Credo che debba esserci una giustizia fiscale, come del resto è previsto nell’Art. 53 della Costituzione, per cui ogni cittadino deve contribuire al pagamento delle spese pubbliche in proporzione alle sue sostanze.”

Annunci

Informazioni su piemontenews

aderente al ms5 Biella al comitato dell'Acqua pubblica

Pubblicato il gennaio 12, 2012, in attualità, Biella, casta, economia, equitalia, finanziamenti, news, Piemonte, politica, regione, Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: